La comunità Cenacolo

Il 16 luglio 1983, memoria della Madonna del Carmine, in una casa diroccata e abbandonata messa a disposizione dal Comune sulla collina di Saluzzo (CN), tra rovi e macerie, suor Elvira Petrozzi dà inizio alla Comunità Cenacolo: un luogo di accoglienza che negli anni diventerà di speranza e di rinascita per tanti giovani persi nel mondo delle tenebre, dell’emarginazione, della droga, della solitudine.

comunita-cenacolo-medjugorje

Madre Elvira inizia pensando di aprire una casa, ma i progetti di Dio si rivelano più ampi: i giovani giungono da ogni parte chiedendo di essere accolti per poter ritrovare il senso della vita, e così le case della Comunità Cenacolo si moltiplicano prima in Italia, quindi in Europa e poi in altre terre: attualmente le fraternità sono 61, presenti in 18 paesi del mondo.

maxresdefaultMadre Elvira ripete spesso che siamo noi i primi testimoni di un miracolo di Dio mai pensato né programmato a tavolino, che ci supera e ci sorprende, di cui per grazia siamo partecipi. Nelle fraternità dell’Europa sono accolte migliaia di persone, tra le quali molti giovani, spesso con alle spalle un profondo disagio esistenziale ma con nel cuore il desiderio di ritrovare il vero senso della vita. In America Latina la Comunità gestisce varie missioni per l’accoglienza dei bambini di strada orfani e abbandonati ed altre in favore dei giovani. In Africa è stata aperta la nostra prima missione per bambini orfani in Liberia. Nel corso degli anni si sono uniti a Madre Elvira persone desiderose di collaborare in questo servizio di carità che si dedicano totalmente all’opera: giovani volontari, laici missionari, famiglie, fratelli (tra i quali alcuni sacerdoti) e sorelle consacrate, che condividono nella totale gratuità la loro vita insieme alle persone accolte, in un cammino comune di riscoperta della bellezza della vita e della vera libertà. La vita comunitaria alterna momenti di preghiera e di lavoro (ora et labora), ed è basata sulla riscoperta dei valori dell’amicizia sincera, dell’impegno personale e del sacrificio, in un clima di rapporti umani semplici, onesti e familiari. La Comunità desidera non solo essere un luogo di recupero e di assistenza sociale, ma una scuola di vita, una famiglia dove la persona accolta possa sentirsi a casa e ritrovare la propria dignità, la pace nel cuore, la gioia di vivere e il desiderio di amare. La Comunità vive nell’abbandono fiducioso alla Divina Provvidenza che si manifesta attraverso piccoli e grandi gesti di bontà e di generosità di tante persone che credono nella proposta offerta. I giovani e coloro che chiedono aiuto alla Comunità vengono accolti nella totale gratuità.

foto grandi medjugorje-Suor ElviraNella Pentecoste del 1998 la Comunità viene riconosciuta prima dall’allora Vescovo di Saluzzo, Mons. Diego Bona, in Associazione Privata di Fedeli, poi, in modo definitivo dal Vescovo di Saluzzo Mons. Giuseppe Guerrini l’8 dicembre 2005, che ha approvato la Comunità Cenacolo in Associazione Pubblica di Fedeli. La Comunità è stata riconosciuta anche presso il Pontificio Consiglio per i Laici della Santa Sede nel 2009. All’interno dell’Associazione Internazionale è nata successivamente un’Associazione Pubblica di Fedeli diocesana orientata alla vita religiosa femminile, denominata Suore Missionarie della Risurrezione.

Ogni anno, in grato ricordo al Signore per la nascita della Comunità, si svolge presso la Casa Madre sulla collina di Saluzzo (CN) un meeting internazionale denominato Festa della Vita: quattro giornate che alternano momenti di preghiera, testimonianze, catechesi, condivisione, gioia, canti, danze e musical, alla quale partecipano migliaia di persone.

CONTATTI:

ITALIA: [email protected] Tel +39 0175 46122  Fax: ++39 0175 476369

MEDJUGORJE: [email protected]  Tel +387 366 517 56

Da una intervista a Madre Elvira

Avevo diciannove anni quando ho lasciato la famiglia, con tanta sofferenza da parte soprattutto di mia madre, perché avevo altri fratelli, più piccoli e più grandi, da accudire. Però questa chiamata è stata forte, più forte degli affetti, più forte del sangue, più forte della carne, più forte anche della realizzazione. Sono partita per un convento che ancora oggi è fiorente, a Borgaro Torinese, dalle suore della Carità di Santa Giovanna Antida Thouret, una grande fondatrice francese che ha avuto il cuore aperto al servizio dei poveri senza distinzione. Così, in questa comunità sono rimasta circa ventotto anni.

Dopo, dentro di me, si è sviluppato il desiderio forte di impegnarmi per i giovani, in modo particolare per i giovani che erano alla ricerca. Lo gridavano così forte, che a me sembrava che lo urlassero con la droga, addormentandosi, disperandosi, lasciandosi morire giorno dopo giorno. Volevano sapere se l’amore esiste, se la speranza c’è, se è possibile vivere la pace dentro di noi, più che fuori, se la loro storia può essere ricostruita, rifatta.

Leggevo questo nei volti e nelle scelte sbagliate dei giovani. Ho chiesto e richiesto tante volte ai miei superiori, i quali comunque avevano ragione quando mi dicevano che andavo nell’incognita, che non ero preparata, che non avrei potuto farlo: tutte cose che mi facevano solo attendere, soffrire e pregare. Per me è stato come un fuoco dentro, un’agonia nell’attesa di come avrebbe sviluppato lo Spirito Santo quello che dentro di me si muoveva. Ho sofferto molto, perché mi sembrava di perdere tempo, il tempo per Dio e il tempo per i giovani, per proteggerli, custodirli, educarli, amarli. Qualcuno mi diceva anche: “Ma Elvira, perché non esci dalla Congregazione, così puoi fare quello che vuoi?”. Ma io non intendevo fare quello che volevo, tutt’altro. Quindi ho aspettato con tanta fiducia e speranza, ho pregato, sofferto, amato, finché i superiori un giorno hanno avuto fiducia e mi hanno detto: “Va bene!”. Abbiamo, così, iniziato in una casa dataci dal Comune di Saluzzo, su una collina, in comodato.

Questa casa era abbandonata da un po’ di anni e abbiamo trovato quello che si trova quando una casa è abbandonata: sterpi, rovi, porte rotte, finestre senza vetri. Però abbiamo iniziato con l’ardore, la forza e la bellezza dell’amore. L’amore era anche lì, ancora una volta più forte dei disagi, della paura, del fallimento. Poteva anche essere un fallimento, ma in quel momento non ho mai pensato che potesse esserlo, perché dentro di me c’era una forza di amore che non era solo un amore umano, il mio amore. Non sapevo neanche se ero capace ad amare, però dentro di me c’era questo coraggio, questa capacità di rischiare, di vedere al di là, di credere contro ogni fallimento.

Questo, adesso lo posso dire, era l’amore di Dio che aveva invaso la mia volontà, la mia libertà, la mia forza, in una debolezza estrema. Questo per me è stato tutto un riscoprire la mia fede. Ho trovato una fede concreta, incarnata, operosa, una fede rischiosa. Quando ho visto quel cancello aperto ho tirato un grande sospiro di gioia. Mi ricordo che le viscere si sono mosse, hanno danzato. Era arrivato il momento e dentro di me c’era una pienezza di vita.

Così, giorno dopo giorno, sono incominciati ad arrivare i ragazzi. Noi sinceramente avevamo stabilito un mese per fare comunione tra di noi, per pregare di più, per vivere la vita comunitaria. Invece, qualche giorno dopo, al cancello si sono affacciati tre ragazzi che ci hanno chiesto: “È questa la comunità per drogati?”. Noi non avevamo definito la comunità dei drogati, ma la comunità dei giovani persi nel non senso, nella noia, nell’insicurezza, incapaci di iniziare e concludere una storia. Noi ci siamo guardate e abbiamo detto: “Drogati o non drogati, sono giovani”. E allora gli abbiamo detto di sì.