Archivi tag: Conversioni

Loretta Young, la diva di Hollywood, prima di morire: “Medjugorje ha dato un senso a tutto”

Loretta Young, la  diva di Hollywood, prima di morire: “Medjugorje ha dato un senso a tutto”

La miracolosa esperienza dell’attrice Loretta Young a Medjugorje.

Un elenco formidabile di diplomatici, cardinali, vescovi, uomini d’affari, regalità, cantanti, scrittori, politici, attori, atleti  e una varietà di altre celebrità che hanno visitato Medjugorje, a questa possiamo aggiungere la leggendaria attrice  di Hollywood, Loretta Young, cattolica devota che è morta nel 2000.

Loretta Young  era famosa nell’età d’oro del cinema di Hollywood, insieme a personaggi come Clark Gable, Spencer Tracy, Cary Grant, David Niven, Douglas Fairbanks Jr., William Holden e James Cagney.

Ha vinto l’Oscar come miglior attrice nel 1947 per la sua interpretazione in “A Woman’s Destiny” Ha vinto, anche  tre Emmy per il suo famoso programma televisivo “The Loretta Young Show”, che è stato trasmesso per ben 8 stagioni.

Prima della sua morte, Loretta ha raccontato la storia del suo pellegrinaggio a Medjugorje in un libro di Joan Wester Anderson, storie non conosciute dell’ attrice, ma rese note nel  libro  “Forever Young”. Loretta raccontava di alcune eventi soprannaturali che le erano accaduti a  Medjugorje. Queste esperienze furono così potenti che più tardi Loretta cominciò a pregare 15 decadi del Rosario ogni giorno, così come a digiunare il mercoledì e il venerdì.

“Medjugorje ha dato un senso a tutto quello per il quale ho sempre sperato e pregato”, ha raccontato la star Hollywoodiana. “Ho visitato diversi santuari, ma non c’è un posto che mi abbia colpito di più come questo.”

L’attrice a Mejugorije  nel 1988, mentre stava comprando una statua della Madonna,  sentì improvvisamente una donna che urlava mentre guardava il sole.  Anche Loretta guardò il  sole, quando il disco di fuoco iniziò a crescere. Ciò che l’attrice vedeva era una sfera d’oro pulsante che cresceva  e che cambiava da rosso, verde e bianco. “Poi un’immagine è apparsa nel centro”, racconta l’attrice.

Il giorno seguente Loretta  inciampò in un gradino all’interno della Chiesa di San Giacomo a Medjugorje e si lussò pesantemente la caviglia. Era con diversi compagni, compreso suo figlio. Tutti capirono che era una brutta distorsione. Quando il dolore  diventò insopportabile per l’attrice, una suora indiana, venuta fuori dal nulla, disse loro che era un medico e cercò di curarla. Quindi la suora-medico li lasciò per un momento, racconta Loretta “ è tornata, portando quello che sembrava un pò di fango e alcune bende. Mi Hanno cosparso il piede di con il fango, e lo hanno avvolto in alcune bende, dicendomi di non togliermele”. Poi la suora scomparve, non l’hanno mai più rivista. Ma, miracolosamente le spari il dolore, Loretta  riuscì a completare il suo pellegrinaggio.

Quando tornò a casa si fece visitare  dal suo medico, il quale le rivelò che non era solo una  una distorsione, Loretta aveva sei ossa rotte nel piede. Quando le bende furono rimosse, improvvisamente si gonfiarono e il suo piede si gonfio improvvisamente. In qualche modo quelle bende fangose avevano tenuto il piede libero dal dolore per tutto il suo pellegrinaggio!

Fonte: Nel Cuore di Gesù

Di Roberto Lauri già apparso su Papaboys.org

La mia famiglia è stata sterminata ad Auschwitz …. poi Medjugorje

La mia famiglia è stata sterminata ad Auschwitz …. poi Medjugorje

Testimonianza di Benjamin Berger, Medjugorje Giugno 2005

La mia famiglia è stata sterminata ad Auschwitz e io non credevo più…
“Provengo da una famiglia ebrea religiosa, non ultra ortodossa, ma ortodossa. I miei genitori erano dei sopravvissuti ai campi di concentramento nazisti. Mio padre tedesco e mia madre austriaca erano riusciti ad emigrare in America, mentre la maggior parte della mia famiglia era stata sterminata a Auschwitz. Mio fratello ed io eravamo stati educati da ebrei osservanti. Eravamo solo in due. Nella prima parte della mia vita ero stato molto religioso, ma col passare degli anni, nel mio cuore si erano affacciati molti dubbi, in particolare sulla storia del popolo ebreo e su quello che ci era capitato. Mi chiedevo: ‘Come può Dio aver permesso una cosa così terribile?’ Poi quando studiavo all’università decisi di lasciare tutto e di diventare…non posso dire proprio ateo, ma quasi ateo. Pensavo: ‘Non posso credere che esista veramente un Dio che abbia permesso una cosa simile, ed inoltre non avevo mai veramente fatto esperienza di Dio’. Da quel momento ho abbandonato tutto e sono diventato completamente ateo.


Un po’ di tempo dopo sono venuto a lavorare in Europa, nello studio di un architetto in Danimarca. Ma sentivo un grande vuoto nel cuore. Qualcosa mi mancava e nulla sembrava potesse riempire questo vuoto. L’arte e l’architettura mi interessavano molto, mi appassionavano, ma questo non bastava. Sono arrivato al punto di rassegnarmi e mi sono detto: ‘Non so se troverò mai quello che cerco!’ Non sapevo cosa cercare, ma sapevo che questo aveva rapporto con la verità. Sono rimasto in questa situazione per molto tempo.

Nella primavera del 1967, un giorno, rientrato dal lavoro, mentre stavo leggendo come al solito il giornale, ho cominciato ad rimuginare i soliti pensieri sulla fede e mi sono detto: ‘Sono arrivato ad un punto della mia vita in cui non credo più a nulla! Non è normale, devo credere in qualche cosa!’. Questo pensiero mi ha molto angosciato ed ho pensato: ‘Se devo credere in qualcosa, voglio credere in qualcosa che sia vero! Perché si corre il rischio di credere in qualsiasi cosa!’ Ma non sapevo cosa questo volesse dire.
Mentre pensavo a queste cose, d’improvviso sentii una presenza accanto a me nella stanza. Non vedevo nulla.

Questo mi fece un po’ paura perché era la prima volta che facevo una simile esperienza. Ero una persona molto razionale (caratteristica abbastanza comune negli ebrei). Credevo in tutto quello che potevo toccare e vedere, nel resto non credevo. Ma nella stanza c’era una presenza che diveniva sempre più intensa. Questa presenza era di una purezza incredibile; questa presenza emanava qualcosa di purissimo! Assolutamente senza macchia! (Non era una cosa, era una persona.

Ma all’inizio dicevo una ‘cosa’ perché non potevo assolutamente identificare cosa fosse). ‘Ciò’ riempiva la stanza, era come una sensazione della Santità di Dio nella stanza. Per qualcuno che non era assolutamente abituato a pensare in questi termini, era impossibile sapere cosa fosse. Poi, era come se qualcuno fosse venuto vicinissimo a me con una chiave in mano, l’avesse introdotta nel mio cuore, l’avesse girata ed avesse aperto la porta. La porta era estremamente spessa, come quella delle banche dove si tengono i valori, come la porta della cassaforte. Ecco a cosa assomigliava la porta del mio cuore.

Quando la porta si è aperta è stato come se l’amore fosse entrato riempiendo completamente il mio cuore. Non capivo cosa mi stesse succedendo ma cominciai a piangere e sono rimasto così, seduto, per un bel po’. Allora Dio mi ha parlato, ed era come se la Sua voce riempisse tutto l’universo. Mi ha detto: ‘Io sono il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe e sono il tuo Dio. La tua vita è come un libro aperto davanti a Me, conosco tutto di te’.
Era molto confortante sapere che Dio esisteva e che Dio mi parlava personalmente, ma al tempo stesso era anche spaventoso. Era meraviglioso sapere che Dio è un Dio personale e che veniva a me in questa maniera.

Perché capitava proprio a me? Non ne avevo idea! Ero alla ricerca della verità, ma vivevo la vita a modo mio.
Proprio in quel momento è avvenuto qualcosa di ancora più incredibile. Dall’alto del cielo è piombato un nome ebreo, Yeshua, il nome di Gesù in ebraico. Non avevo mai letto il Nuovo Testamento, non avevo amici cristiani e non avevo mai sentito veramente parlare dei Vangeli. Le sole cose che sapevo di Gesù erano quelle ascoltate alla televisione o a Natale, oppure attraverso dei film come ‘La Tunica’ (di H.Koster con Richard Burton, 1953, NDT), ma non le avevo mai veramente capite.

Ero sempre rimasto sconcertato davanti ai cristiani che parlavano di Sion, di cose che mi erano familiari come ebreo, ma non avevo mai capito quali fossero i legami tra loro e noi. Ma nel momento preciso in cui ho ricevuto il Suo nome, in quel preciso istante, ho saputo che Lui era il Messia. Lui era il Dio d’Israele. Era una rivelazione; non veniva certamente dal mio spirito. Ho saputo che era la risposta alla mia domanda, a tutte le mie domande.

Poi ebbi un’esperienza che è difficile da descrivere, ma ho pensato: ‘Se qualcuno come lui venisse nel mondo, cosa gli succederebbe?’ Sapevo che il mondo lo avrebbe respinto e lo avrebbe crocifisso, perché Lui è troppo all’opposto di tutto quello che è nel mondo. Ecco come tutto è cominciato…”
Benjamin racconta poi la sua vita con Gesù negli ultimi venti anni, ed in particolare il suo incontro con una comunità italiana molto legata a Medjugorje.

L’intervista continua così:
“Abbiamo incontrato questa comunità nel 1996 e Dio ha unito i nostri cuori in una maniera molto profonda, siamo ancor adesso molto uniti. Sono stati per noi un modello di vita e questo ci ha molto aiutati. Siamo rimasti in contatto molto stretto e se Dio vuole verranno in Israele in Ottobre. Vedremo quello che ne nascerà. E’ certo la prima volta che una comunità messianica ed una comunità cattolica vivono una tale comunione, una reale comunione. Non credo che questo sia già avvenuto. Penso che sia un segno, un segno profetico di ciò che Dio desidera (…).

Poi, ecco come è avvenuta la mia andata a Medjugorje…mi sono sempre interessato a Medjugorje perché ne avevo sentito parlare molto. So che molte persone si sono convertite a Gesù proprio lì e questo fatto mi ha toccato moltissimo. Satana non può ottenere che tante persone si convertano al Signore! Durante una conferenza in una città nel sud Italia, padre Luigi, (che mi accompagnava in macchina), mi propose di andare a Medjugorje. Così siamo partiti immediatamente!”

“Ho posto questo interrogativo al Signore per molti anni. Ero ben consapevole che per fare l’unità della chiesa, bisognava trovare unità su alcuni punti. Questo è probabilmente il punto di maggior disaccordo nel mondo protestante. Noi non siamo protestanti, ma abbiamo un poco in comune con le diverse parti della chiesa . Riconosco che questo argomento è uno dei punti più importanti della divisione, ma io sono rimasto sempre aperto a questo riguardo, non ho mai detto che questo non veniva da Dio. Ho solo detto: “Non lo capisco completamente”. In questi ultimi giorni qui, credo di aver capito tante cose, ascoltando le testimonianze dei veggenti e vedendo quanto loro siano autentici. Non ci sono dubbi su questo. Non c’è nulla di strano nelle loro testimonianze, sono tutti molto autentici. I messaggi che hanno ricevuto sono messaggi

assolutamente fondamentali che devono essere diffusi in tutto il mondo: conversione, preghiera, una vita di santità, di purezza e di consacrazione al Signore. Sono stato molto toccato da tutto quello che ho ascoltato. Anche stamattina ho incontrato Vicka e lei era splendente dell’amore di Dio nella sua estrema semplicità. Credo che tutto questo venga da Dio, devo ancora capire cosa significa tutto questo. Ma sono sulla buona strada.”

Fonte: http://medjugorje.altervista.org

Di Roberto Lauri già apparso su Papaboys.org

Milona vive a Medjugorie dal 1984, e da allora è al servizio della Madonna.

Milona vive a Medjugorie dal 1984, e da allora è al servizio della Madonna.

 

Medjugorie  é diventata la mia patria. Milona Habsurg  vive a Medjugorie, sin dalla sua prima visita avvenuta nel 1984 si è messa al servizio della Madonna. Padre Slavko Barbaric  l’ha guidata con la sua energia” sovrannaturale” e il suo profondo amore per la Madonna.  Grazie alla sua conoscenza delle lingue, per molti è un punto di riferimento nella diffusione dei messaggi di Medjugorie.  Milona appartiene al grande circolo dei testimoni degli eventi di Medjugorie sin dagli inizi.

Milona, sei da anni un’ amica di tutti qui a Medjugorie.  Cosa ne pensi delle ondate di pellegrini che giungono qui da tutte le parti del mondo ?

Provo solo gioia e profonda gratitudine. Anche un po’ di nostalgia. Sono giunta qui per la prima volta nel 1984, nel giorno dell’ anniversario 32 anni fa. In quell’occasione  ebbi un incontro sulla montagna delle apparizioni che mi  cambiò la vita. Questo cambiamento che segnò l’inizio di una nuova vita, non è mai cessato e continua ancora oggi. So per certo che i messaggi della Madonna in tutti questi anni sono sempre stati la luce che mi ha fatto orientare :nelle tenebre più profonde, nello smarrimento più grande. Nelle difficoltà di questo mondo questa luce è la via che mi porta in cima alla montagna . Ciò che ho imparato dai Veggenti è la strada verso l’unificazione con Dio. Gesù vive nella presenza della Madonna . Maria ci permette di diventare tutt’ uno con Gesù.  Questo insegnamento continua per me tutti i giorni . Anche la Santa Messa è per me ogni giorno più importante.  Non so Come andrà a finire tutto ciò in ogni caso in paradiso.

Milona, hai lavorato molto conPadre Slavko. Quali sono i tuoi ricordi di Padre Slavko?

Lo conobbi  nel 1984, ma solo di vista, non personalmente.  Allora lo trovai alquanto severo ed inquietante.  Faceva commenti molto diretti e calzanti che mi rendevano insicura . Tra il 1984 e il 1985 venivo qui da Monaco ogni mese con la mia amica e parente Sophie Toerring.  Ogni pellegrinaggio era molto spontaneo e mi ha cambiato la vita ogni volta.  Un cammino sorprendente pieno di eventi inattesi.  Padre Slavko era sempre presente a dare il benvenuto ai pellegrini.  Piano piano ci siamo avvicinati a lui.  Ci ha aiutato lungo la strada della Conversione.  Credo che ciò che più mi ha colpito di Padre Slavko nella mia vita è stata la sua solerzia e il suo profondo amore per gli eventi di Medjugorje.  Sapeva esattamente cosa fare per accompagnarci in questo cammino . Noi tutti abbiamo imparato a comprendre bene gli eventi e le esperienze e ad applicarli nella nostra vita.Confessarsi con lui era  un’esperienza semplice e sana. Sono in tanti a dire la stessa cosa. Pregava molto e viveva tutto con cuore dedicandosi pienamente a DIO e mettendosi al servizio dell’ uomo . Sono queste le cose che mi hanno segnato. Ricordo tantissime storie ma quanto ho appena detto è la cosa più importante.

Milona vive a Medjugorie dal 1984

Tu vivi con tuo marito a Medjugorie.  Come mai ha preso questa decisione?

Mio marito mi ha detto circa 10 anni fa che sarebbe stato bello avere un luogo in cui vivere da considerare come la propria patria ed ha proposto Medjugorje.  Io non ne ero molto sicura sia a causa del mio lavoro che per la mia figlia  che andava a scuola,tuttavia aveva visto proprio giusto. Le cose sono andate proprio bene dopo aver fatto questa scelta.  Ne sono convinta oggi. Noi siamo spesso in viaggio per i pasti di Maia e per motivi familiari.  Tuttavia il nostro cuore è sempre fortemente ancorato a Medjugorje.  Qui abbiamo ricevuto tanto in dono che è giusto continuare a rendere servizio in questo luogo il più possibile.

 

 

Da anni traduci il messaggio del 25 in varie lingue . Come consideri questo lavoro nel tuo rapporto con la madonna?

Allora, negli anni 80, spesso ero solo io a tradurre con Padre Slavko . Grazie a Dio abbiamo sempre trovato chi ci aiutava con le lingue più difficili.  Spesso lavoravo fino a tarda notte e traducevo  il messaggio parola per parola nelle varie lingue. Ricevevo telefonate da tutto il mondo Perché la gente voleva vivere i messaggi.  Mi sentivo onorata oltre che responsabile mentre passavo tutta la notte senza mai perdere la pazienza ad ascoltare le telefonate che ricevevo da Singapore,dall’ Africa e spesso le linee erano disturbate o si interrompevano.  A volte ci volevano ore per completare una conversazione.  Ma il tempo non aveva valore quando si pensa alle parole che scambiavamo tra “estranei”. Erano in tanti a desiderare la parola della Madre. Sentivo un profondo timore di Dio  perché c’erano come una grande forza ed un senso di autenticità in quei momenti. Sebbene non ci conoscessimo, ci sentivamo già molto vicini mentre parlavamo al telefono.  C’era qualcosa di grande e Sacro che ci univa come fratelli.  Tutto ciò era semplicemente meraviglioso.  E oggi continua tutto allo stesso modo.  Noi siamo tutti fratelli quando viviamo Medjugorje.  È una scuola di pace e di riconciliazione con tutti.  Sappiamo tutti quanto sia difficile questo percorso nel mondo di oggi. Oggi aiuto i vari traduttori ufficiali ma non svolgo più un ruolo centrale. Si è sviluppato un grande gruppo che svolge il servizio perfettamente.  Tuttavia la gioia per questo lavoro non mi ha abbandonato.  Sono sempre entusiasta per tutto ciò che la Regina della Pace ci vuole comunicare.

Come descriverebbe la veggente Marija a chi non la conosce.

È molto gentile ed affabile . È grata a tutti coloro che accolgono i messaggi della Regina della Pace e cercano di viverli.  Ringrazia sempre in modo concreto, è sensibile con tutti in maniera così profonda da riscaldare i cuori di ognuno.  Ha fatto della sua vita un servizio per gli altri. Porta una Croce pesante e lo fa con Amore.  Ciò vale per tutti i veggenti.  Essi colpiscono per la loro sensibilità e profondità d’ animo . Li ho visti percorrere questo cammino per 32 anni con coraggio e fede. Non posso fare altro che essere loro grata.  Essi custodiscono un tesoro prezioso .

Che ne pensi del messaggio di pace nel mondo di oggi in cui la pace anche in Europa è in pericolo ?

Quanto più la situazione diventa complessa e  confusa, tanto più vedo la grandezza della Misericordia che ci viene donata. È incredibile che la Regina della Pace ci sono tanta speranza. Ella ci accompagna in modo concreto e costante.  Ringrazio sempre Dio e cerco di vivere gli insegnamenti della Madonna.

Intervista effettuata il 24 Giugno 2016.

Di Roberto Lauri già apparso su Papaboys.org