Tutti gli articoli di admin

Medjugorje è da prendere sul serio come Gesù

Stefania Ferrara: “Medjugorje è da prendere sul serio come Gesù”

Stefania Ferrara ci ha tenuto a condividere la propria testimonianza di fede al sito ‘Medjugorje tutti i giorni‘. La donna spiega che il suo primo pellegrinaggio a Medjugorje è capitato per caso, anche se dopo anni ha compreso che quella era la volontà della Madonna. Stefania si prometteva da tempo che prima o poi sarebbe andata nel paesino bosniaco per vedere con i propri occhi quanto le avevano raccontato e per pregare la Madre Celeste nel luogo in cui aveva deciso di apparire nel corso degli ultimi 30 anni.

I giorni passavano e quella promessa si sbiadiva con il passare del tempo, poi un giorno le è stato proposto di assistere alla testimonianza di Mirijana e non si è lasciata scappare l’occasione: “Senza esitare sono andata ho ascoltato la testimonianza ho pregato c’è stata l’apparizione. Molto semplice, non avevo minimamente pensato di andare per l’apparizione o di vedere la Madonna o per curiosità, sono andata semplicemente. Un mese dopo sono partita per Medugorje si sono incanalate le cose in modo perfetto senza che io l’avessi ragionato o programmato,ho semplicemente sentito dentro me una forza che mi diceva: io devo andare a tutti i costi e nessuno può fermarmi non so perché”.

Giunta a Medjugorje, Stefania è rimasta colpita per la semplicità con la quale i pellegrini e le persone del luogo manifestavano la propria fede. Durante il pellegrinaggio ha seguito il percorso previsto, pregando, partecipando all’adorazione eucaristica e assistendo alle apparizioni sulla collina. Di quella esperienza, oltre alla fede semplice e pura, le è rimasta impressa il racconto di Mirijana su Giovanni Paolo II: “Disse che Giovanni Paolo II, allora Papa, aveva ricevuti i 6 veggenti e che era a conoscenza dei fatti , che ci credeva ma non poteva andare perchè era il Papa , forse qualcuno glielo impediva”, e l’entusiasmo di padre Jozo: “Mi colpì molto anche lui, il suo modo di trasmettere la spiritualità e di riportare concretamente i fatti che stavano accadendo nel mondo, non avevo mai sentito nessuno parlare così in modo pulito e semplice e anche pregare con tanto amore e fervore, con entusiasmo ma allo stesso tempo seriamente .Ritengo sia un sacerdote straordinario mi e rimasto impresso e non l’ho più dimenticato”.

Sono passati 15 anni da quel primo viaggio a Medjugorje e Stefania Ferrara oggi è ancora pervasa dallo spirito del paesino bosniaco, prega tutti i giorni il rosario, va a messa, partecipa all’adorazione e quando può torna in pellegrinaggio. Nulla, insomma, la convincerà che a Medjugorje non ci sia la reale presenza della Madonna: “Medugorje rimane e rimarrà sempre il mio luogo preferito per immergermi nella preghiera. Non sono mai andata per cercare segni ma per pregare ,soltanto quello che mi ha dato questo luogo è impagabile e così i doni che ho ricevuto, e questo grazie alle preghiere e ai sacrifici dei veggenti che pregano per il mondo intero e tutte le persone che lo fanno con semplicità gratuita e fede viva”.

Da La Luce di Maria

Medjugorje Marco: Ho sostituito droga e alcool con Gesù e Maria

Medjugorje Marco: Ho sostituito droga e alcool con Gesù e Maria

Marco era un ragazzo comune, niente doti particolari, nessuna ambizione lavorativa o di vita che lo spingessero verso un obbiettivo, ma tanta confusione su se stesso e sulla vita che lo portavano ad indossare la maschera da clown per la comitiva. Poco importava se le persone lo reputavano superficiale, l’unica cosa che aveva davvero importanza era fare ridere ed essere sempre al centro dell’attenzione. Per anni ha passato giornate sempre uguali, il pomeriggio a casa di amici o in piazza per farsi qualche canna e distogliere il pensiero da qualsiasi senso di responsabilità, quindi arrivava la sera, l’alcol, le discoteche e le ragazze.

Insomma, Marco era un adolescente che preferiva gli eccessi alla vita regolata e che preferiva il divertimento alla costruzione del futuro. Il non senso di quella vita lo ha portato a non costruire nemmeno un legame stabile, a cambiare frequentazioni di continuo fino a fargli perdere interesse per i legami stessi. Poi un giorno, di ritorno da una discoteca, è andato a sbattere con la macchina causando la morte dei suoi passeggeri. Uscito illeso fisicamente, ma distrutto psicologicamente è stato mandato in una comunità di recupero dalla madre, terminata il percorso di recupero ha deciso di andare alla ricerca di un senso a questa vita ed è diventato buddista.

Il buddismo ha permesso a questo ragazzo di regolare le sue giornate e distogliere il pensiero dagli eccessi e dagli stupefacenti, ma il vero cambiamento lo ha vissuto quando è andato in viaggio a Medjugorje: “Ho incontrato persone semplici con la gioia nel cuore. Di giorno in giorno notavo che stava cambiando qualcosa dentro di me. Le giornate cominciavano con la colazione, lodi mattutine, rosario, pranzo, coroncina, catechesi, rosario, apparizione, messa, cena e condivisione con l’adorazione perpetua del Santissimo. Dopo essere stato più di 10 anni lontano dalla chiesa ho passato le giornate con leggerezza senza farmi pesare niente: le condivisioni, i salmi e le catechesi parlavano dei miei pensieri! Al terzo giorno durante l’apparizione di Maria, sono scoppiato in pianto di liberazione: ho sentito una voce chiara dentro di me che diceva: ‘Sono tua madre e ricordati che ti amo tantissimo’”.

Adesso Marco va in giro per il mondo a portare il messaggio di Dio a chiunque incontri ed ha trovato finalmente un senso, una finalità a quella vita prima confusionaria e sregolata: “Questo è lo scopo della mia vita e quella di tutti: ritornare al Padre dopo un istantaneo pellegrinaggio sulla Terra per vivere con lui la vita e la beatitudine eterna”.

Da La Luce di Maria

Mary’s Meals: l’associazione di Medjugorje che aiuta oltre un milione di bambini.

Mary’s Meals: l’associazione di Medjugorje che aiuta oltre un milione di bambini

 

Si parla sovente di Medjugorje come di un paese in cui i pellegrini trovano per la prima volta la loro fede, si dice che Medjugorje sia un luogo magico in cui tutti riescono a trovare una pace interiore prima nemmeno vagheggiata. Con meno frequenza si parla delle opere di bene, del volontariato e dell’assistenza che viene fatta dai volontari che giorno dopo giorno lavorano in Bosnia per permettere a bambini e famiglie disagiate di tutto il mondo di vivere un esistenza meno difficile e intravedere un barlume di speranza nei confronti di un futuro che in alcuni paesi somiglia più ad una roulette russa che ad una strada da intraprendere.

L’impatto sociale di Mary’s Meals

Uno dei frutti più belli e proficui nati a Medjugorje nel corso degli anni si chiama ‘Mary’s Meals‘, un’associazione benefica che si occupa di fornire cibo e beni di prima necessità ai bambini del terzo mondo. Anno dopo anno, il contributo dei volontari (grazie anche alle numerose e generose donazioni ricevute dai fedeli) è diventato sempre più importante arrivando a coprire le esigenze di 1.230.000 bambini in 14 paesi differenti: oltre ad inviare cibo e vestiti, viene offerto a questi bambini un sistema d’istruzione di primo livello che gli permette di puntare ad un riscatto lavorativo in futuro.

Di questa realtà si parla poco, ma l’impegno dei volontari di ‘Mary’s Meal’ non passa sotto silenzio, sempre più persone conoscono il suo operato ed anche celebrità di Hollywood come Gerald Butler spendono parole importanti per questa associazione che provvede al benessere di oltre un milione di bambini in tutto il mondo. In un video promozionale pubblicato su Youtube che mostra il lavoro svolto dall’associazione in Malawi, l’attore americano spiega come Mary’s Meal non sia un semplice servizio di approvvigionamento, ma qualcosa di molto più importante: “Questo è molto più di un programma di nutrimento ed educazione. Il loro contributo ha un impatto sulle persone impressionante. Prima molti ragazzi non mangiavano e non andavano a scuola. Adesso sono motivati ad andare a lezione, hanno uno scopo, sono motivati ad essere parte di una comunità, sono motivati a parlare tra loro e possono concentrarsi sul futuro. Se parli con questi bambini adesso sognano di divenire dottori, avvocati, l’educazione diventa per loro una possibilità in più”.

Da La Luce di Maia

Conferenza stampa di S.E. Mons. Henryk Hoser,

Incontro dell’Arcivescovo S.E. Mons. Henryk Hoser, Inviato Speciale della Santa Sede per Medjugorje, con i giornalisti. Medjugorje, 5 aprile 2017

data: 06.04.2017.

(Prima parte)

«Signore e Signori, buongiorno.

All’inizio devo dare qualche spiegazione e qualche giustificazione. Il quadro della mia missione è stato definito dalla Santa Sede: si tratta, come abbiamo appena sentito, di esaminare lo stato della pastorale dei pellegrini a Medjugorje. Questa è la mia prima visita a Medjugorje: sono arrivato senza conoscere la situazione sul posto, ma sapendo al contempo che si trattava di un luogo di pellegrinaggio a livello internazionale. Mi servo della lingua francese, perché essa è stata per molto tempo, e rimane ancora, una lingua diplomatica.

Senza dubbio voi attendete di sapere da me le mie impressioni, le mie conclusioni. La prima cosa che vorrei sottolineare è il fatto essenziale che, in passato, Medjugorje non era conosciuta nel mondo. Era una piccola località sperduta da qualche parte tra le montagne, come il nome stesso — Medjugorje — indica. Ora Medjugorje è conosciuta nel mondo intero, e bisogna anche sapere che vi si recano pellegrini provenienti da ottanta paesi del mondo. Dal punto di vista dell’importanza di questo luogo di pellegrinaggio, esso può essere paragonato ad altri posti. Ad esempio, se a Medjugorje vengono due milioni e mezzo di pellegrini all’anno, a Lourdes ne vanno sei milioni, ma Lourdes esiste da più di centocinquanta anni. Medjugorje ha solo trentasei anni d’anzianità. E’ tempo di fare un primo bilancio, una prima valutazione, che è molto importante per lo sviluppo futuro di questo luogo.

Allora, perché tanta gente viene qui? Da un lato, chi viene ha senza dubbio sentito parlare di quelle che vengono chiamate “le apparizioni di Medjugorje”, che hanno avuto luogo per la prima volta nel 1981. D’altra parte, coloro che vengono qui scoprono qualcosa di eccezionale. La prima cosa è l’ambiente, l’atmosfera, che è di pace e pacificazione, come pure di pace interiore, di pacificazione del cuore. Essi scoprono pure un grande spazio di spiritualità profonda. Riscoprono, o scoprono per la prima volta nella loro vita, cosa sia il senso del sacro. A Medjugorje essi incontrano sia tempi sacri che spazi sacri. “Sacro” significa riservato in modo particolare alla divinità.

Comunemente si dice che Medjugorje è un luogo di culto mariano, ed è vero. Ma, se andiamo in profondità, vediamo che a Medjugorje il culto è essenzialmente cristocentrico, perché ha al centro la celebrazione dell’Eucaristia, la trasmissione della Parola di Dio e l’adorazione del Santissimo Sacramento, durante la quale si scopre che esso è la presenza reale di Gesù Cristo, nella sua divinità ed umanità. Alcuni scoprono la recita del Rosario, che in fondo è una preghiera di meditazione sui misteri della nostra fede. Infine, facendo la Via Crucis, essi entrano nel mistero pasquale, ossia nel mistero della passione, morte e risurrezione di Cristo. Termino questo panorama con un accento più marcato riguardo al Sacramento del Perdono, la Confessione personale e personalizzata.

Dal punto di vista religioso, Medjugorje è un terreno molto fertile. In questi anni sono state enumerate seicentodieci vocazioni religiose e sacerdotali d’ispirazione medjugorjana: le più numerose sono in Italia, negli Stati Uniti ed in Germania. Tenendo presente l’attuale crisi di vocazioni, soprattutto in paesi di antica cristianità come l’Europa occidentale, questo fatto ci pare qualcosa di nuovo e, a volte, sconvolgente.

Considerando il numero di Comunioni distribuite — perché è quella l’unica possibilità di contare i pellegrini, anche se naturalmente con un certo margine d’errore — possiamo dire che, negli anni passati, dal 1986 al 2016, sono stati distribuiti trentasette milioni di Comunioni. Il numero di pellegrini è però più grande, perché non tutti accedono alla Comunione.

Nella valutazione della situazione di Medjugorje, vanno distinti tre ambiti.

Il primo ambito è la parrocchia, che esiste da molto tempo. Essa serve i parrocchiani che sono qui, che abitano qui sul posto ed il cui numero, nei dieci anni passati, è aumentato di un migliaio di unità o forse anche di più. Questa parrocchia — che ha la sua storia e che, negli anni trenta del secolo scorso, ha costruito la croce che sovrasta Medjugorje — è stata il terreno in cui è stato accolto l’odierno fenomeno di Medjugorje. In questa storia parrocchiale s’iscrive anche quella particolare e personale di quelli che vengono chiamati “veggenti”.

Un secondo circolo, un secondo ambito, sono i pellegrini, che, come ho appena detto, arrivano anche alla cifra di 2.500.000 all’anno. Questo numero tende ad aumentare, e questa è evidentemente una sfida enorme per i pastori che servono questo luogo. Tale fenomeno ha inoltre causato il potenziamento delle attuali strutture, che devono chiaramente rispondere alle necessità dei pellegrini: esse comprendono questa sala, la Cappella dell’Adorazione e lo spazio per la celebrazione di Messe all’aperto. Si tratta, dunque, di alcuni elementi che sono giustamente stati aggiunti in considerazione dell’arrivo dei pellegrini. D’altra parte, abbiamo anche visto lo sviluppo della cittadina: ci sono sempre più alberghi, ristoranti, esercizi commerciali, cosa che mi fa già pensare ad una piccola Lourdes. Non è risaputo il fatto che Lourdes è la seconda città per numero di alberghi in Francia dopo Parigi. Potrebbe essere questo anche il futuro di Medjugorje in rapporto a Sarajevo. Dunque, la popolazione aumenta, e quindi aumenta pure la capacità di accoglienza dei pellegrini.

Abbiamo però anche un terzo ambito: a Medjugorje si sono insediate delle comunità, delle associazioni, delle opere sociali e caritative che vengono sommariamente stimate in una trentina. Ve ne sono alcune che si sono stabilite qui perché ispirate a Medjugorje o perché hanno qui le proprie radici, ma ve ne sono anche altre che sono venute da altri paesi: che sono cioè state create altrove, ma poi si sono stabilite qui per vivere questa atmosfera e questo fenomeno di Medjugorje.

Qui evidentemente vi sono anche delle creazioni originali, e vorrei menzionare soprattutto l’opera caritativa creata dai padri francescani: il “Villaggio della Madre”. Vale la pena di visitarlo, se vi interessa, perché è costruito con l’idea di accompagnare le vite delle persone, e in special modo quelle difficoltose, in tutti i loro stadi: gli orfani, i giovani, in difficoltà, le persone dipendenti dalla droga, dall’alcool o da altri condizionamenti dello stesso tipo, i disabili. Anche questa è un’espressione di quella carità attiva intimamente legata alla fede cristiana. Ma vi è anche un’altra opera molto importante, anch’essa creata dai padri francescani, chiamata “Domus Pacis”, ossia una casa per ritiri in silenzio. Si stima che già vi siano passati 1.200 gruppi, per un totale di più di 42.000 partecipanti. Questo genere di ritiri e di seminari trasforma le persone dall’interno.

Anche i seminari sono un’altra invenzione pastorale della parrocchia di Medjugorje. Sono annuali, ossia vengono tenuti una volta l’anno. Da ventitré anni esiste già un seminario aperto a tutti; da ventuno anni vi è un seminario destinato unicamente ai sacerdoti ed alla loro formazione; da diciassette anni ci sono seminari riservati alle coppie, e da quattro è iniziato un nuovo tipo di seminario, rivolto a medici e paramedici. L’anno scorso è stato inoltre organizzato, per la prima volta, un seminario a favore della vita umana. Ce n’è, infine, anche uno per disabili. Questo panorama mostra l’intensità della vita cristiana qui a Medjugorje, che rappresenta in certo modo un modello che potrebbe essere seguito anche altrove.

L’offerta dei Santuari nel mondo di oggi è di tale portata che Papa Francesco ha trasferito la problematica dei Santuari dalla Congregazione per il Clero alla Congregazione per la Nuova Evangelizzazione. La gente qui riceve ciò che non ha nel luogo in cui vive. In molti dei nostri paesi di antica cristianità la Confessione individuale non esiste più. In molti paesi non c’è l’Adorazione del Santissimo Sacramento. In molti paesi non si conosce più la Via Crucis ed il Rosario non viene recitato. Nella Bretagna francese, una volta mi è stato detto che l’ultima Via Crucis era stata pregata trenta anni prima. Un tale inaridimento dell’ambito spirituale e del sacro porta, evidentemente, a una crisi di fede generalizzata.

Qui la gente arriva alla sorgente, sazia la sua sete del sacro: la sua sete di Dio, di preghiera, che viene riscoperta come contatto diretto con Dio. Direi che la gente qui sente la presenza del divino anche per mezzo della Santa Vergine Maria.

A Medjugorje viene accentuato il titolo mariano di “Regina della pace”. Direi che questa non è una novità, perché nel mondo intero vi sono chiese dedicate alla Regina della pace. Se però noi guardiamo il contesto mondiale della nostra vita di oggi, vediamo ciò che Papa Francesco definisce “la terza guerra mondiale a pezzi”, ossia in frammenti e sotto le forme più crudeli e che causano più ferite, ovvero le guerre civili. Voi, che abitate nei Balcani, avete vissuto una guerra civile non molto tempo fa. Io ho vissuto il genocidio in Ruanda. Tutto quello che ora vedete accadere in Siria, nel Vicino Oriente, è la distruzione dei paesi di più antica cristianità, anche facendo ricorso alle armi chimiche: questo è il paesaggio che vediamo oggi dinanzi a noi. Quanti conflitti politici in ciascun paese! Dunque, il ricorso a nostra Signora della Pace è, a mio avviso, essenziale. Qui il ruolo specifico di Medjugorje è estremamente importante.

Voi, cari amici, dovreste essere i portatori della Buona Novella: dite al mondo che a Medjugorje si ritrova la luce. Perché abbiamo bisogno di punti di forte luce, in un mondo che sta cadendo nell’oscurità. Io vi suggerisco, inoltre, di iscrivervi ai seminari che si svolgono qui, non so a quale, per scoprire quello che ancora non conoscete. Grazie!»

 

Domande e risposte

Danuta Liese, Polonia: «Sarebbe possibile che un sacerdote della Polonia venisse posto stabilmente a servizio dei pellegrini in questa parrocchia? Intendo non solo temporaneamente, come ospite, ma in modo permanente?».

«Penso spetti al Provinciale concordare con le Province polacche l’invio di un sacerdote fisso, come già ve ne sono altri qui».

Sanja Pehar, Radio MIR Medjugorje: «Eccellenza, per l’esperienza che ha avuto in questi giorni, dove vede Medjugorje all’interno della nuova evangelizzazione, che sappiamo la Chiesa sottolinea oggi così fortemente?».

«Io credo che Medjugorje già si trovi nella linea della nuova evangelizzazione, lo provano le cifre che ho appena citato. La dinamica crescente della presenza dei pellegrini qui sta a significare che anche le loro necessità sono in aumento».

Ivica Đuzel, HRT: «Ho trovato in rete un dato secondo cui lei avrebbe già parlato con i veggenti. Che impressione le hanno lasciato?».

«E’ vero che un contatto con i “veggenti” era iscritto nella mia missione, ma non un incontro molto approfondito, poiché questa è materia di competenza della Commissione dottrinale presieduta dal Card. Ruini. I “veggenti” sono andati in Vaticano appunto per presentare la loro storia, queste esperienze, eccetera. Con i “veggenti” che ho visto, ho avuto l’impressione di un contatto normale, molto diretto. Non dobbiamo dimenticare che non sono più ragazzi e ragazze: alcune di loro sono già nonne! Per approcciarsi al loro ruolo, bisogna anche tener presente che sono immersi in una normale vita familiare e professionale. Devono provvedere alla vita dei loro figli, e sono quindi vicini alle preoccupazioni di tutti noi. Alcuni sono malati, altri cercano di provvedere alla loro vita, eccetera. Hanno quindi, direi, una vita normale e, stando a ciò che dicono, hanno avuto il privilegio di queste “apparizioni”, che hanno interiorizzato. Non è mio compito pronunciarmi sulla veridicità o non veridicità delle “apparizioni”. La Chiesa non si è ancora pronunciata.

Ivan Ugrin, Slobodna Dalmacija: «Arcivescovo Hoser, penso che il fatto che lei oggi sia qui con noi sia per noi tutti un grande onore. Una volta, in un messaggio, la Madonna ha detto di essere venuta qui per continuare l’opera iniziata a Fatima…».

«Lei può leggere la storia delle apparizioni riconosciute in successione. Potrei citare, ad esempio, quelle di La Salette, avvenute a metà del XVII secolo, o quelle a Rue du Bac; quelle di Lourdes, di Fatima, di Banneux in Belgio, nell’anno della ascesa al potere di Hitler. O anche quelle di Guadalupe nell’America del Sud, in occasione della colonizzazione degli Indiani d’America. Tutte queste apparizioni hanno un denominatore comune, ossia il fatto che la Santa Vergine invita alla conversione, ad abbandonare la vita di peccato. In esse ella mostra anche le sfide di ogni epoca. Vorrei terminare questa risposta citando le apparizioni di Kibeho. Ho vissuto io stesso ventuno anni in Ruanda ed ho partecipato alla Commissione medica sulle apparizioni, cominciate un anno dopo rispetto a quelle di Medjugorje. Là la Santa Vergine aveva già mostrato lo spettro del genocidio, che si sarebbe poi verificato dodici anni dopo. Anche quello era un avvertimento. Il messaggio è simile a quello che viene riferito qui a Medjugorje: un invito alla conversione, alla pace. Le apparizioni di Kibeho sono state riconosciute dalla Chiesa. Io direi perciò che si tratta di due località “sorelle”, sia per contesto storico che per vicinanza temporale, visto che tra le due vi è soltanto un anno di differenza. All’inizio, anche là ci sono stati evidentemente molti dubbi sulla veridicità dei veggenti e sul fatto che potessero anche inventare delle storie: alcuni di loro sono stati poi esclusi dal numero dei veggenti riconosciuti. Perciò vi invito alla pazienza, perché chiaramente più il problema è complesso, più necessita di tempo per giungere a conclusioni davvero valide».

Paolo Brosio, Mediaset Mondadori: «Mons. Hoser, io la ringrazio per quello che lei ha detto per questo luogo, che mi ha ridato la vita. Quando ho visto la sua foto sul Podbrdo, sotto la statua della Madonna, sono scoppiato a piangere dalla gioia. Ho cercato di divulgare questo in tutta Italia e, dalle prime sue interviste, ho capito cosa pensava di questo luogo benedetto. Le chiedo: da indiscrezioni trapelate in Italia, si sa che il Card. Ruini, dopo tre anni e mezzo, avrebbe terminato la Commissione Internazionale d’Inchiesta stabilendo la veridicità dei primi anni di queste apparizioni a Medjugorje. Io le chiedo: cosa pensa lei di queste conclusioni e, se lei ha letto il Dossier della Commissione Internazionale d’Inchiesta, cosa ne pensa?».

«Purtroppo io non ho letto il materiale di detta Commissione, perché non è stato pubblicato. Può essere che, dopo il mio ritorno in Vaticano, io possa avervi accesso o almeno parlare col Card. Ruini ma, per adesso, non posso dire nulla. La mia missione non consiste soltanto nell’interrogare le persone che lavorano qui, che sono responsabili o meno della situazione, ma anche nel visitare i luoghi di pellegrinaggio. Ed è precisamente questo il motivo per cui ho affrontato il non semplice cammino che porta alla statua della Santa Vergine. Si tratta di un luogo che merita la presenza di tutti, per il fatto stesso che là vi sia una statua della Santa Vergine. Lassù ho incontrato un gruppo di pellegrini polacchi ed ho rivolto loro qualche parola sul culto mariano. La stampa però poi ha cominciato subito a dire che io avevo condotto lassù un gruppo di pellegrini: non è vero».

Darko Pavičić, Večernji list: «Reverendissimo Arcivescovo, ogni volta che lei ha parlato degli eventi di Medjugorje ha fatto riferimento ad “apparizioni” e non a “presunte apparizioni”. Lei crede che qui si tratti davvero di apparizioni? Di cosa ha parlato con Ratko Perić, il Vescovo di Mostar, che non ci crede e le contesta? Grazie molte».

«Evidentemente io sospendo il mio giudizio, perché non conosco tutti i dettagli e non conosco il gigantesco lavoro fatto dalla Commissione Ruini. Se parlo di “apparizioni”, lo faccio per il semplice motivo che qui si utilizza questa espressione. Io lo dico “tra virgolette” solo che, mentre parlo, le virgolette non si possono vedere. Attendo come voi il verdetto finale di detta Commissione, e soprattutto quello del Papa, che si pronuncerà».

Ivan Pavković, Al Jazeera: «Cosa pensa davvero il Papa su Medjugorje: sulle apparizioni e su questi frutti di cui lei parla?».

«Come si dice, è una bella domanda! Io però evidentemente non so cosa ne pensi il Papa, lui non me l’ha mai detto. Dunque anche qui bisogna attendere, perché evidentemente il Papa prende in considerazione tutto il materiale riguardante le ricerche ed il lavoro svolto. Io credo, però, che anche il fatto che Medjugorje sia un luogo così importante nella prospettiva della nuova evangelizzazione avrà in qualche modo il suo peso nel giudizio finale. Non ho detto nel giudizio “ultimo”, ma “finale”».

Ines Grbić, Laudato TV: «In una dichiarazione da lei fatta nell’imminenza del suo arrivo a Medjugorje, ha detto che qui dovrà svolgere la sua missione in condizioni del tutto diverse ed in modo differente. Mi interesserebbe sapere quali siano queste “condizioni” e quale sia questo “modo”, che sono differenti dal lavoro da lei svolto finora. Lei ha anche detto che queste “apparizioni mariane” sono significativamente differenti dalle precedenti. Cos’è che in esse è specificatamente diverso?».

«Lei avrà certamente notato, Signora, la specificità di queste “apparizioni”, che direi hanno un nuovo formato rispetto a quelle del passato. Anzitutto la durata di quelle che vengono chiamale le “apparizioni di Medjugorje”, che già stanno per superare i trentasei anni. I “veggenti” di Medjugorje, per usare un’espressione che cantiamo nel Prefazio della Messa, sono “Sine fine dicentes…”, anche se è vero che, nell’agiografia di certi santi, è presente questo fenomeno, per cui essi hanno avuto apparizioni per tutta la vita. Una seconda specificità è il numero delle apparizioni: c’è chi ha contato circa quarantasettemila apparizioni individuali. Tenendo presente il fatto che ci sono sei veggenti che hanno frequenti apparizioni personali da trentasei anni, forse un tale numero potrebbe essere anche attendibile, non so. Inoltre, si tratta di “apparizioni” non legate al luogo. A Lourdes la Madonna appariva sempre nella grotta, a Fatima sopra un albero. Ma qui, stando ai veggenti, “l’apparizione” segue la persona, per cui ne hanno in casa, in viaggio, o in chiesa, eccetera. Queste sono specificità che fanno difficoltà in rapporto alla pronuncia di un giudizio».

Messaggio del 2 febbraio 2018 dato a Mirjana

Cari figli,
voi che siete amati da mio Figlio, voi che io amo immensamente con il mio amore materno, non permettete che l’egoismo e l’amare troppo se stessi regnino nel mondo. Non permettete che l’amore e la bontà siano nascoste. Voi che siete amati, voi che avete conosciuto l’amore di mio Figlio, ricordate che essere amati significa amare. Figli miei, abbiate fede: quando avete la fede, siete felici e diffondete la pace. La vostra anima sussulta di gioia. In quest’anima c’è mio Figlio: quando vi donate per la fede, quando vi donate per amore, quando fate del bene al prossimo, mio Figlio, nella vostra anima sorride.Apostoli del mio amore, mi rivolgo a voi come madre, vi raduno intorno a me perché desidero condurvi sulla via dell’amore e della fede, sulla via che porta alla luce del mondo. Sono qui per amore e per fede: perché desidero benedirvi, perché desidero, con la mia benedizione materna, darvi forza e speranza nel vostro tragitto. Perché la strada che conduce a mio Figlio non è facile, è piena di rinunce, del donarsi, del sacrificio, del perdono e molto, molto amore ma questa via conduce alla pace ed alla gioia. Figli miei, non credete alle false voci che vi parlano delle cose false e della luce falsa: voi, figli miei, tornate alle sacre scritture. Con immenso amore vi guardo e per grazia di Dio, mi manifesto a voi. Figli miei, incamminatevi con me. Che la vostra anima sussulti di gioia.
Vi ringrazio.

Da atea irriverente a fervente cattolica

La testimonianza di Kathy: da atea irriverente a fervente cattolica

La newyorkese Kathy Jones ha scritto sul portale ‘Medjugorje for Children‘ la sua testimonianza di conversione. Come spesso si legge in questi racconti, anche Kathy aveva abbandonato la sua fede nella fase adolescenziale a causa della pressione dei genitori: da piccola era costretta a seguire tutte le funzioni luterane e crescendo si era convinta che Dio non esistesse e che le religioni non fossero altro che un complesso sistema di controllo della società.

La sua opinione su Dio e le religioni non cambiò nemmeno quando ha incontrato l’uomo della sua vita, Eddy (lui sì estremamente devoto), con il quale ha avuto due bambine; a questo, racconta la narratrice, diceva spesso: “Non pensare MAI che un giorno io possa diventare cattolica! O si è nati e cresciuti cattolici, o bisogna esser pazzi a scegliere di esserlo volontariamente”. Nel 1987 un evento cambia la vita di Kathy: durante un controllo di routine le viene diagnosticato un cancro alle ovaie. Inizia un periodo duro in cui si alternano fasi di cura a fasi di depressione, il futuro è incerto, ma la donna non cambia comunque la sua opinione sulla religione e su Dio.

La conversione improvvisa di Kathy e la guarigione

Passano tre anni e Kathy si ritrova in un raduno religioso con la suocera, si sente a disagio ma per cortesia rimane a seguire le preghiere in silenzio. Proprio mentre pensava di volersi trovare in un altro luogo, ecco che prova una sensazione mai provata prima, la pace interiore: “All’improvviso, un profondo sentimento di pace mi pervase, la paura mi abbandonò e mi ritrovai piena di speranza; quel giorno la mia vita cambiò completamente per intercessione della Madonna della Speranza…la Regina della Pace!”.

Kathy non sa spiegare in che modo ha cambiato improvvisamente opinione, sa solo che da quel giorno ha cominciato ad andare a Messa e nell’ottobre dello stesso anno si è recata con il marito a Medjugorje. Di ritorno dal viaggio in Bosnia, la donna ha scoperto che il tumore era in recessione e che sarebbe guarita. Sebbene il tumore non sia mai riapparso, la donna non grida al miracolo ma di una cosa è certa: “Non so se si tratti di un miracolo o se sia semplicemente il risultato dei trattamenti fatti. Ma la grazia più importante che ricevetti allora, fu la guarigione spirituale. La donna che un tempo era stata scettica e addirittura irriverente, fu beata di farsi cattolica nel giorno di Pasqua dell’anno seguente!”.

Da La Luce di Maria

Messaggio dato a Marjia il 25 gennaio 2018.

Cari figli!
Questo tempo sia per voi il tempo della preghiera affinché lo Spirito Santo, attraverso la preghiera, discenda su di voi e vi doni la conversione. Aprite i vostri cuori e leggete la Sacra Scrittura affinché, attraverso le testimonianze, anche voi possiate essere più vicini a Dio. Figlioli, cercate soprattutto Dio e le cose di Dio e lasciate alla terra quelle della terra, perché Satana vi attira alla polvere e al peccato. Voi siete invitati alla santità e siete creati per il Cielo. Cercate, perciò, il Cielo e le cose celesti.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

 

 

Patrik morto alla fede risorto grazie a Medjugorje

Patrik morto alla fede risorto grazie a Medjugorje

Per destare il sonno della coscienza serve, in alcuni casi, un evento brusco, qualcosa per sempre stravolge il normale corso degli eventi. A quel punto, quando la coscienza è sveglia, il nostro animo, prima ovattato da un falso senso di sicurezza, viene scosso dall’incertezza e si comincia a domandarsi il perché della vita, il perché dei nostri gesti quotidiani ed il perché della caducità dell’esistenza. Dare risposta a questi quesiti è uno dei desideri ancestrali dell’uomo che sin dai primi passi ha cercato di giustificare quanto gli succede intorno.

Patrick, ragazzo polacco di 22 anni, non si è mai soffermato troppo su questi quesiti finché una tragica fatalità gli ha portato via uno dei suoi più cari amici: “La morte del mio amico mi ha fatto riflettere molto. Mi sono reso conto che un giorno anch’io sarei…! In quei giorni ho capito che la mia fede era morta. Così non ho potuto dare neanche il conforto della speranza a quei genitori disperati. Mi chiamavano cristiano, ma non lo ero”. Il giovane si era accorto che non aveva una risposta valida per quanto capitato al suo amico e che, sebbene la sua educazione fosse cristiana, non credeva lui stesso a quelle parole di conforto sull’aldilà che in questi casi servono a lenire le ferite di due persone che hanno perso loro figlio.

L’opuscolo su Medjugorje e la scoperta di una fede ardente

Per quasi un anno Patrick ha cercato risposte invano, fin quando non si è trovato di fronte ad un opuscolo che parlava di Medjugorje. Dopo averlo letto a casa di suo zio il giovane polacco è stato certo che le apparizioni fossero veritiere ed ha sviluppato un inspiegabile desiderio di andare nel paesino bosniaco. In attesa di giungere alla sua meta, Patrick ha cominciato a seguire i dettami della Regina della Pace, ed ha cominciato a recitare il rosario ogni giorno: “Le prime volte che prendevo in mano la corona mi stancavo molto. Guardavo continuamente l’orologio. Perché ripetere 50 volte Ave Maria? Ora è diverso. E’ come se l’anima mia respirasse nella preghiera. Non mi dico mai: ‘Che fatica si fa a respirare’ perché è naturale. E la stessa cosa deve essere la preghiera. La preghiera incomincia a sgorgare sempre più dal cuore. Il S. Rosario ora lo prego molto volentieri e spesso con i miei amici più cari”.

A cambiare la percezione della preghiera di Patrick è stato proprio il primo viaggio a Medjugorje, durante il quale ha sperimentato per la prima volta la vicinanza della Madonna ed ha compreso che quelle preghiere non erano solo un vuoto esercizio, ma che Dio lo ascoltava veramente: “Dopo la prima volta che sono stato a Medjugorje sentivo come un fuoco sulla pelle. E lo sentivo proprio fisicamente. Avevo un entusiasmo fortissimo e volevo gridare al mondo che Dio esisteva. Gli amici e conoscenti di prima mi presero un po per fuso. Mi comportavo quasi come un bambino che aveva ricevuto un regalo bellissimo e che desiderava mostrano a tutti e che saltava dalla gioia”.

Da La Luce di Maria

La parola pronunciata maggiormente dalla Madonna a Medjugorje

La parola pronunciata più frequentemen­te dalla Madonna a Medjugorje:  “PREGATE”

È questa la parola pronunciata più frequentemen­te dalla Madonna a Medjugorje. Essa ricorre in quasi tutti i messaggi. Questo fatto ci sottolinea che la preghiera è l’azione più im­portante di tutte. Lo dice anche il Vangelo, ma noi spesso non ci facciamo caso. Quando saremo nell’aldilà vedremo il danno enorme prodotto dalla trascuratezza della preghiera, ma allora che potremo fare più? Adesso è il momento di cambiare. Ascoltiamo la Madonna che con tanta pazienza continua ad in­citarci alla preghiera! Così Padre Slavko, a Medjugorje, diceva ai pellegrini italia­ni: “Perché la Madonna continua a dirci di pregare? Si può dire che ogni sua apparizione è un invito alla preghiera, perché? Perché la preghiera è l’unico modo nostro per incontrare Dio, per incontrare Gesù. Lei è la Madre di Gesù e la Madre nostra, perciò fa il suo dovere che è quello di farci incontrare con Gesù, perché solo se lo incontriamo noi siamo salvi. Maria con­tinua a fare quello che ha fatto a Cana di Galilea. Era presente lei e anche Gesù, ma Gesù non era ancora conosciuto per quello che era: lei lo fece conoscere. Fatto questo, si ritira dicendo al servi: “Fate quello che Egli vi dirà!”. La sua presenza è un forte invito a noi anche perché ci met­tiamo in comunicazione con Gesù Cristo. Ma la sua presenza è anche un rimprovero per noi tutti che abbiamo dimenticato, che non crediamo abbastanza alla presenza di Gesù nelle nostre chiese. La Madonna ha detto a Jelena: ‘Io vi sono più vicina durante la santa Messa che durante l’apparizione”. Fare la Comunione è più che essere veggenti! Ma noi questo lo credia­mo? Se non ascoltiamo l’invito della Madonna a pregare davve­ro, non incontreremo mai il Signore. Maria ci dice: “La pre­ghiera deve diventare il nutrimento quotidiano, gioia e pace in­teriore, sollievo nella stanchezza per il troppo lavoro… Ma perché sia così, la preghiera deve essere: preghiera col cuore, preghiera di un cuore che ama, preghiera di chi si abbandona totalmente a Dio, dì chi desìdera Dio, di chi anela a Dio “. Questo è il punto centrale di tutti i consigli della Madonna riguardo alla preghiera: dialogo con Dio, con Gesù, con lei stes­sa, ma per arrivare, sempre ad incontrare Dio! Perciò la pre­ghiera non può essere una pura e semplice recita di formule: la cosa è molto più seria e importante. Nel gennaio del 1986 ci ha dato il seguente messaggio che riassume molte sue esortazioni: “Cari figli, anche-oggi vi invito a pregare. Voi cari figli non sarete in grado di comprendere quanto valga la preghiera finché non direte a voi stessi: adesso è il tempo della preghiera, adesso nessun’altra cosa è importante, adesso per me nessun’altra cosa è importante quanto Dio. Cari figli, dedicatevi alla preghiera con particolare amo­re, così Dio potrà darvi le grazie “. Ma quali preghiere dobbiamo fare? Tutte! La Santa Messa, l’adorazione al Santissimo Sacramento, la devozione al Cuore di Gesù, il culto della Croce e della Passione, la devozione allo Spirito Santo, la lettura della Bibbia, il Rosario… Maria racco­manda moltissimo la preghiera allo Spirito Santo e dice: “Molta gente prega in modo sbagliato, chiede delle cose, ma pochi chiedono il dono dello Spirito Santo. Chiedete prima di tutto il dono dello Spirito Santo, perché chi ha questo ha tutto!”. E dice ancora: “Un fiore non può crescere bene senza ac­qua. Così voi non potete crescere bene senza la benedizione di Dio. Chiedete ogni giorno la benedizione di Dio per poter cre­scere e per poter fare i vostri lavori”: la benedizione di Dio do­na lo Spirito Santo.
Scegliamo un tempo di preghiera e chiediamo insi­stentemente lo Spirito Santo.

La preghiera del cuore – Per cercare di capire cosa la Madonna intende con il termine di “preghiera del cuore” leggiamo alcuni suoi messaggi e co­minciamo a vedere cosa vuole insegnarci. “lo vi invito, cari fi­gli, alla preghiera del cuore. Sapete che senza preghiera non potete comprendere ciò che Dio vuole realizzare attraverso ciascuno di voi. Perciò pregate!” (aprile 1987). Il cuore è la parte più intima e vitale di noi stessi, è il simbolo di tutti i nostri sentimenti, desideri, aspirazioni, speranze, propositi. Il cuore è quella parte impalpabile ma essenziale di noi stessi che orienta tutta la nostra vita. Può orientarla verso il male, come dice Gesù: “Dal cuore provengono i propositi mal­vagi, gli omicidi” ecc. (Mt. 15, 19), ma può e deve orientarla verso il bene, verso Dio. Pregare col cuore significa dunque pregare con tutto il no­stro essere orientato verso Dio, aperto a Dio, desideroso dell’in­contro vivo e vivificante con Dio. Significa desiderare Dio, amare Dio, mettersi in sintonia con Lui e volere ciò che Egli vuole. Significa dire non solo con le parole, ma con la più inti­ma convinzione e con il più vivo desiderio: “Sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà”. Significa sforzarsi di adeguare tutta la propria vita a queste esigenze che ci ha suggerito Gesù stesso. È chiaro che pregare così vuol dire identificare la nostra vo­lontà con quella di Dio in tutto. Ed è chiaro che una preghiera così non può non essere esaudita. Solo se preghiamo così pos­siamo comprendere tutto ciò che Dio vuole realizzare attraverso di noi. Dio, innanzitutto, programma per noi la nostra santità e quindi la nostra salvezza e felicità eterna, attraverso vie diverse che sono le più conformi alle attitudini, alle doti, alle inclina­zioni, alla vocazione che ciascuno ha. Nella preghiera possiamo conoscere la via migliore che Dio ha tracciato per noi. Ma Dio ha un piano di bene e di salvezza anche per gli altri e questo si deve realizzare pure mediante noi, con il nostro ap­porto, con la nostra disponibilità agli altri, con la nostra pron­tezza alla rinuncia, al sacrificio, alla comprensione, al perdono, al servizio con il nostro amore soprannaturale. Ecco alcuni altri inviti materni: “Oggi vi invito alla pre­ghiera del cuore. Durante questo tempo di grazia desidero che ognuno di voi si unisca a Gesù. Senza la preghiera incessante non potete sentire la bellezza e la grandezza della grazia che Dio vi offre” (febbraio 1989). “Cari figli, vi invito alla preghie­ra con il cuore affinché la vostra preghiera sia un dialogo con Dio. Io desidero che ognuno di voi consacri più tempo a Dio” (settembre 1990).
Decidiamo di dedicare alla preghiera un tempo specifico della nostra giornata e apriamo sempre di più il cuore agli in­segnamenti della Mamma Celeste.

Fonte:http://www.preghiereagesuemaria.it

Testimonianza di Mirjana

Ha detto Mirjana, con tanta semplicità nella sua testimonianza ai giovani del Festival: Il mio giorno preferito è il 2 del mese dal 1987. Il 2 di ogni mese prego con la Madonna per i non-credenti ma Lei non dice mai “i non credenti”; dice sempre “quelli che non conoscono l’amore di Dio”. E Lei chiede il nostro aiuto, e questo non lo dice solo a noi sei veggenti, ma a tutti quelli che sentono la Madonna come la loro madre.
La Madonna dice che noi non possiamo salvare i non credenti se non con la nostra preghiera e il nostro esempio. E Lei ci chiede di mettere la preghiera per loro al primo posto, perché Lei dice che le cose più cattive, le guerre, i divorzi, gli aborti arrivano dalle persone che non credono: “Quando voi pregate per loro, pregate per voi stessi, per le vostre famiglie e per il bene del mondo intero”.
Lei non vuole che noi predichiamo a destra e a sinistra, ma che parliamo attraverso la nostra vita. Vuole che i non credenti possano vedere, attraverso di noi, Dio e l’amore di Dio. Ci chiede di prendere questo sul serio. “Se una sola volta voi vedeste le lacrime sul viso della Madonna a causa dei non credenti, sono sicura che mettereste tutto il vostro impegno e amore verso di loro”. Ella dice che questo è un tempo di decisione, che noi, che ci consideriamo figli di Dio, abbiamo una grande responsabilità.
Ognuno di noi sei veggenti ha una missione particolare. La mia è quella di pregare per i non credenti, per quelli che non conoscono ancora l’amore di Dio; Vicka e Jakov pregano per i malati; Ivan per i giovani e i sacerdoti; Marija per le anime del purgatorio; Ivanka prega per le famiglie. Il messaggio più importante della Madonna è la Santa Messa: “la Messa non soltanto la domenica -ci ha detto-. Se c’è da scegliere tra varie forme di preghiera, dovete sempre scegliere la Santa Messa, perché è la più completa e nella Messa mio Figlio stesso è con voi”.
La Madonna ci chiede di digiunare il mercoledì e il venerdì a pane e acqua. Ci dice di dire il Rosario in famiglia e che niente in questo mondo può unire la famiglia più della preghiera fatta insieme. Ci chiede di confessarci almeno una volta al mese. Ci dice che non c’è nessuna persona al mondo che non abbia bisogno di una confessione mensile. Ci chiede di leggere la Bibbia in famiglia: non parla della quantità da leggere, ma soltanto che si deve ascoltare la Parola di Dio in famiglia.
Vorrei chiedervi di pregare per i non credenti perché la preghiera per i non credenti asciuga le lacrime sul viso della Madonna. Lei è nostra madre e come ogni madre di questo mondo, ama i suoi figli. Lei è triste per uno solo dei suoi figli che si smarrisce. Lei dice che dobbiamo anzitutto amare i non credenti, prima ancora di pregare per loro, e considerarli come nostri fratelli e sorelle, che non hanno avuto la stessa nostra fortuna di conoscere Dio e il suo amore. Quando avremo sentito questo amore per loro, allora potremo cominciare a pregare per loro, ma non dovremo giudicarli mai: è solo Dio che giudica: così dice la Gospa. (3 agosto 1997)

Fonte:  medjugorje.altervista.org

Padre Livio intervista Ivan 14/08/2012

PADRE LIVIO: Abbiamo oggi la grazia di avere il veggente Ivan con noi perché ci racconti la grande esperienza che ha vissuto da 31 anni ed abbiamo il suo amico Krizan che farà da traduttore. Faremo una conversazione che possa aiutarci a capire meglio i messaggi della Madonna. Ti ringraziamo, Ivan, e vorrei che ci descrivessi come è un’apparizione della Madonna, come l’hai avuta tu in questi giorni.

 

IVAN: Sia lodato Gesù Cristo! Vicka, Marja ed io abbiamo l’incontro con la Madonna ogni giorno. Noi ci prepariamo con la preghiera del Santo Rosario alle ore 18, ogni giorno, pregando con tutta la gente che partecipa, nella Cappella del Santo Rosario. Come si avvicina il tempo, le 7 meno 20, io avverto di più la presenza della Madonna nel mio cuore. Nel momento in cui io m’inginocchio davanti all’altare è il momento in cui arriva la nostra Madre Celeste. Il primo segno dell’arrivo della Madonna è una luce; dopo questa luce, viene la Madonna. Non è come la luce che noi vediamo qui sulla terra: questa è una luce del Paradiso, un pezzo di Paradiso viene a noi. Appena arriva la Madonna io non vedo più niente davanti a me nè intorno a me: vedo solo Lei! In quel momento non sento nè spazio nè tempo. Anche ieri sera la Madonna è venuta particolarmente gioiosa e felice ed ha salutato tutti col suo consueto saluto materno “Sia lodato Gesù cari figli miei!”. In modo particolare ha pregato con le mani distese sopra i malati presenti nella Cappella. In ogni apparizione la Madonna prega con le mani distese sopra i Sacerdoti presenti; benedice sempre tutti noi con la sua benedizione materna e benedice anche tutti gli oggetti sacri che abbiamo portato per la benedizione. Io, ad ogni apparizione, raccomando sempre tutta la gente, le necessità di tutti e le intenzioni. Negli ultimi tempi, anche ieri sera, la Madonna prega per la santità nelle famiglie. Prega sempre nella sua lingua aramaica. Poi, segue sempre una conversazione privata fra noi due. Poi la Madonna continua a pregare sopra tutti i presenti nella Cappella; poi, in preghiera se ne va nel segno della Luce e della Croce e col saluto “Andate in pace, cari figli miei!”. E’ veramente difficile descrivere con le parole come è un incontro con la Madonna. L’incontro con la Madonna è veramente un dialogo fra noi due. Posso confessare che ad ogni incontro quotidiano la Madonna mi rivolge una parola, un pensiero così bello che io posso vivere di questa parola nelle prossime 24 ore. Questo è ciò che posso dire.

PADRE LIVIO: Ivan, come ti senti dopo l’apparizione?

IVAN: Veramente è difficile comunicare agli altri questo sentimento con le parole… E’ difficile trasmettere agli altri questa gioia. Io dico a quelli che partecipano all’apparizione: “E’ difficile riprendersi e ritornare in questo mondo dopo un incontro con la Madonna!”. C’è sempre un desiderio, una speranza, durante l’apparizione, e io dico nel cuore: “Madre, rimani ancora un po’ più a lungo, perché è così bello stare con te!”. Il suo sorriso… guardare i suoi occhi che sono pieni d’Amore… Posso osservare le lacrime di gioia che scorrono sul viso della Madonna mentre guarda tutti noi in preghiera… Lei vuole avvicinarsi a tutti noi ed abbracciarci!. E’ grande e tutto particolare l’Amore della Madre! Trasmettere questo Amore con le parole è veramente difficile! Questa pace, questa gioia che io sento durante l’apparizione della Madonna mi accompagna durante tutta la giornata. E quando la notte non posso dormire, penso: che cosa mi dirà la Madonna il prossimo giorno? Esamino la mia coscienza e penso a quello che ho fatto durante la giornata, se le mie mosse erano nella volontà del Signore, e la Madonna stasera quando la vedrò sarà contenta? E altre cose mi accadono nella preparazione all’apparizione. La pace, la gioia e l’amore in cui io sono immerso durante ogni apparizione è la cosa più bella! L’incoraggiamento che mi dà la Madre mi dà una carica… Come faccio con i pellegrini, come trasmetto a loro il messaggio, posso dire che con le mie sole forze umane non potrei sopportare se la Madonna ogni giorno non mi desse una forza speciale.

PADRE LIVIO: La Madonna dice “Sono vostra Madre e vi amo”. Tu la senti come Madre?

IVAN: Si, la sento veramente come Madre. Non ci son parole per descrivere questo sentimento. Io ho anche una madre terrena: questa mamma mi ha educato fino ai 16 anni. La Madonna mi ha preso a 16 anni e mi guida. Posso dire che ho due mamme, una mamma terrena e una Mamma Celeste. Tutte due sono mamme così belle e desiderano il bene del proprio figlio, amano il proprio figlio… Io vorrei dare questo amore agli altri.

PADRE LIVIO: Ivan, questa Mamma da più di 30 anni ci rivolge dei messaggi. Quali sono i principali?

IVAN: Durante questi 31 anni la Madonna ci ha dato molti messaggi ed ora non c’è tempo sufficiente per parlare di ogni messaggio, ma vorrei soffermarmi specialmente su alcuni che sono veramente centrali e fondamentali. La PACE, la CONVERSIONE, RITORNO A DIO, PREGHIERA CON IL CUORE, PENITENZA COL DIGIUNO, il MESSAGGIO DELL’AMORE, MESSAGGIO DEL PERDONO, l’EUCARISTIA, LETTURA DELLA SACRA SCRITTURA, MESSAGGIO DELLA SPERANZA. Vedete, questi messaggi appena evidenziati sono quelli più importanti. In questi 31 anni la Madonna si vuole un pochino adattare a noi e allora li semplifica, li avvicina per poterli praticare meglio e meglio viverli. Io sento che la Madonna quando ci spiega un messaggio, quanto impegno ci mette perché noi possiamo capirlo e viverlo meglio! Voglio sottolineare che i messaggi della Madonna sono rivolti al mondo intero, perché Lei è la Madre di tutti noi. La Madonna non ha mai detto “carissimi italiani.. cari americani…”. Sempre e ogni volta, quando si rivolge a noi con un messaggio, dice “Cari figli miei!”, perché Lei è la Madre, ci ama tutti, perché siamo importanti per Lei. Direi che questo è un messaggio universale ed è per tutti i suoi figli. Alla fine di ogni messaggio la Madonna dice: “Grazie cari figli, perché avete risposto alla mia chiamata”. Vedete, la Madonna ringrazia…

PADRE LIVIO: La Madonna dice che dobbiamo accogliere i suoi messaggi “col cuore”…

IVAN: Il messaggio che è stato ripetuto più spesso in questi 31 anni è la preghiera col cuore, insieme col messaggio per la pace. Con i soli messaggi della preghiera col cuore e quello per la pace, la Madonna vuole costruire tutti gli altri messaggi. Infatti, senza preghiera non c’è la pace. Senza preghiera non possiamo nemmeno riconoscere il peccato, non possiamo nemmeno perdonare, non possiamo neanche amare… La preghiera è veramente il cuore e l’anima della nostra fede. Pregare col cuore, non pregare in maniera meccanica, pregare non per seguire una tradizione obbligatoria; no, non pregare guardando l’orologio per terminare prima possibile la preghiera… La Madonna desidera che noi dedichiamo il tempo per la preghiera, che dedichiamo il tempo per Dio. Pregare col cuore: che cosa ci insegna la Madre? In questa “scuola” in cui ci troviamo, significa soprattutto pregare con amore all’Amore. Pregare con tutto il nostro essere e far sì che il nostro pregare sia un incontro vivo con Gesù, un dialogo con Gesù, un riposo con Gesù; così possiamo uscire da questa preghiera riempiti di gioia e di pace, leggeri, senza pesi nel cuore. Perché la preghiera libera, la preghiera ci fa felici. La Madonna dice: “Che la preghiera sia gioia per voi!”. Pregate con la gioia. La Madonna sa, la Madre sa che non siamo perfetti, ma desidera che ci incamminiamo nella scuola della preghiera ed ogni giorno impariamo a questa scuola; come singoli, come famiglia, come comunità, come Gruppo di Preghiera. Questa è la scuola a cui dobbiamo andare ed essere molto pazienti, essere decisi, perseveranti: questo è veramente un grande dono! Ma dobbiamo pregare per avere questo dono. La Madonna desidera che noi preghiamo ogni giorno 3 ore: la gente quando sente questa richiesta, un poco si spaventa e mi dicono: “Ma come può la Madonna chiedere a noi ogni giorno 3 ore di preghiera?”. Questo è il desiderio suo; però quando parla di 3 ore di preghiera non intende solo la preghiera del Rosario, ma si tratta della lettura della Sacra Scrittura, la S. Messa, anche l’Adorazione del SS.mo Sacramento e anche la condivisione familiare della Parola di Dio. Aggiungo le opere di carità, l’aiuto al prossimo: questo la Madonna desidera da noi. Ricordo che anni fa è venuta una pellegrina italiana e mi disse: “Non posso credere che la Madonna ci chieda 3 ore di preghiera quotidiana!”. Abbiamo conversato un poco e le ho spiegato le cose, ma le sembrava tutto molto difficile. L’anno seguente ritorna e mi dice: “La Madonna chiede sempre 3 ore di preghiera?”. Le ho risposto: “Sei in ritardo, non solo 3 ore, adesso desidera da noi che preghiamo 24 ore!”. E rispose: “Va bene, per adesso mi fermerei su quelle 3 ore…”. Siamo un po’ egoisti quando si tratta della preghiera. La Madonna non ci chiede quello che non possiamo accettare. E’ la bellezza di questi 31 anni: la Madonna ci chiede quello che possiamo dare e praticare. Aprire il cuore è un programma per la nostra vita, come la nostra conversione. Dobbiamo aprirci ogni giorno. Io non mi sono convertito in un colpo: la mia conversione è un processo per la mia vita. Io voglio crescere ogni giorno alla scuola della Madonna e poichè vivo nel mondo devo allontanare da me quello che mi disturba sulla via della santità. A volte è difficile, ci sono ostacoli, ma so che devo essere perseverante. So che la Madonna mi aiuta con i suoi consigli perché io possa andare avanti. La Madonna, attraverso noi veggenti, guida il mondo intero. Si rivolge a me e alla mia famiglia e ci aiuta; diverse volte lo ha fatto perché desidera che la mia famiglia sia un modello per gli altri. Siamo tutti testimoni degli avvenimenti che accadono nel mondo: la guerra è innanzitutto nel cuore dell’uomo. In tanti stati europei Dio è respinto e la Madonna ci dice: “Cambiate vita, ritornate a Dio. Dio deve essere al primo posto nella vostra vita”. Nel futuro del mondo possiamo incamminarci soltanto con Dio. La pace che ci dà il mondo ci deluderà presto. Solo Dio è la vera PACE!

PADRE LIVIO: Ivan, la Madonna ti ha detto che noi vogliamo costruire un mondo senza Dio, ma in un mondo senza Dio non c’è futuro…

IVAN: Assolutamente! Hai ragione, Padre Livio, senza Dio il mondo non ha nessun futuro. Per questo la Madonna ci invita a ritornare a Dio e, insieme con Dio, incamminarci verso il futuro. Così saremo sicuri: avremo la Pace, ci sarà più armonia. Dio ha dato un potere a tanti Presidenti di Stati, affinché con questo potere possano promuovere e lavorare per la Pace, per il bene comune, dell’umanità e dei singoli Stati. Però, ogni potere senza Dio è una anarchia, con liti, imbrogli… per questo è molto importante che Dio sia Presente e che sia al primo posto anche nei Governi.

PADRE LIVIO: Abbiamo avuto il crollo dell’Impero Sovietico che, per una grazia della Madonna è avvenuto senza una grande guerra; però qui in questa terra c’è stata una guerra molto sanguinosa… E’ ancora in grande pericolo la Pace nel mondo?

IVAN: La Pace è sicuramente ancora in grande pericolo, perché la guerra più grande è quella nel cuore dell’uomo. Il cuore dell’uomo non è in armonia e in pace con Dio, non è in pace con gli altri… Dobbiamo dedicarci alla cultura del cuore. Dobbiamo pregare e pregare sempre di più per questa intenzione. Guardate: nel 1981 la Madonna viene; dopo 10 anni noi abbiamo qui la guerra dei Balcani. La Madonna da 10 anni ci voleva preparare, ci invitava alla preghiera, invitava i Sacerdoti, la Chiesa. Parecchi fra noi erano sordi e muti: non abbiamo accolto questo invito della Madre e non abbiamo compreso quello che ci aspettava… Se la Chiesa e i Sacerdoti avessero invitato i fedeli a pregare proprio come desiderava la Madonna, diverse cose si potevano evitare, poiché la Madonna aveva detto: “Cari figli, con la preghiera e con il digiuno potete fermare anche le guerre!…”.

PADRE LIVIO: La Madonna parla di un suo “piano” che si deve realizzare: sono già passati 31 anni, qual è questo piano della Madonna?

IVAN: La Madonna ha un progetto preciso per il mondo; la Madonna ha un piano per la Chiesa stessa; la Madonna ha un piano con questa stessa Parrocchia, però invita noi tutti a partecipare, perché ciascuno di noi è una parte di questo piano. La Madonna dice: “Io sono con voi e insieme con voi voglio realizzare questo piano. Per questo, decidetevi per il bene, lottate contro il peccato, contro il male”. Quando noi parliamo di questo “piano” della Madonna, posso dire che non so fino in fondo che cosa è questo piano. Ciò non significa che io non debba pregare per la sua realizzazione. Noi non dobbiamo sempre sapere tutto! Dobbiamo pregare e fidarci delle richieste della Madonna. Se la Madonna desidera questo, dobbiamo accogliere questa sua richiesta.

PADRE LIVIO: La Madonna dice di essere venuta per creare il nuovo mondo della Pace. Riuscirà?

IVAN: Si, ma insieme con tutti noi, suoi figli. Verrà questa Pace, ma non la pace che viene dal mondo… Verrà la Pace di Gesù Cristo sulla terra! Però la Madonna ha detto anche a Fatima e ancora ci invita a mettere il piede sul capo di satana; la Madonna continua da 31 anni qui a Medjugorje a esortarci a mettere il nostro piede sul capo di satana e regni così il tempo della Pace.

PADRE LIVIO: Dopo l’attentato alle due torri di New York, la Madonna ha detto che satana vuole l’odio, vuole la guerra e che c’è un piano di satana per distruggere il pianeta sul quale viviamo…

IVAN: Devo dire che satana oggi è presente, come mai prima nel mondo! Quello che noi oggi dobbiamo evidenziare particolarmente è che satana vuole distruggere le famiglie, vuole distruggere i giovani: giovani e famiglie sono il fondamento del nuovo mondo… Vorrei dire anche un’altra cosa: satana vuole distruggere la stessa Chiesa. C’è una sua presenza anche nei Sacerdoti che non fanno bene; e vuole distruggere anche le Vocazioni Sacerdotali che stanno nascendo. Però la Madonna ci avverte sempre prima che satana agisca: Lei ci avverte della sua presenza. Per questo dobbiamo pregare. Dobbiamo particolarmente evidenziare queste componenti molto importanti: 1° le famiglie e i giovani, 2° la Chiesa e le Vocazioni.

PADRE LIVIO: La Madonna ha scelto una Parrocchia, quella di Medjugorje, e in questo modo ha voluto incominciare un rinnovamento di tutta la Chiesa.

IVAN: Indubbiamente tutto questo è un segno più evidente del rinnovamento spirituale del mondo e delle famiglie… Infatti molti pellegrini vengono qui a Medjugorje, cambiano la propria vita, cambiano la loro vita matrimoniale; alcuni, dopo molti anni riprendono a confessarsi, diventano migliori e, ritornando nelle proprie case, diventano un segno nell’ambiente in cui vivono. Comunicando il proprio cambiamento, aiutano la propria Chiesa, formano Gruppi di Preghiera e invitano altri a cambiare vita. Questo è un movimento che non si fermerà mai più… Questi fiumi di gente che viene a Medjugorje, possiamo dire che sono “affamati”. Un pellegrino vero è sempre un uomo affamato che cerca qualcosa; un turista va a riposarsi e va verso altre destinazioni. Però il pellegrino vero cerca qualcos’altro. Da 31 anni della mia esperienza delle apparizioni, incontro gente di tutte le parti del mondo e sento che la gente oggi è affamata di pace, sono affamati di amore, sono affamati di Dio. Ecco, loro trovano qui veramente Dio e un sollievo; poi s’incamminano nella vita con questo cambiamento. Come io sono uno strumento della Madonna, così anche loro diventeranno suoi strumenti per evangelizzare il mondo. Bisogna che partecipiamo tutti a questa evangelizzazione! E’ una evangelizzazione del mondo, della famiglia e dei giovani. Il tempo in cui viviamo è il tempo della grande responsabilità.

PADRE LIVIO: In nessuno dei Santuari che io conosco vengono tanti Sacerdoti come a Medjugorje…

IVAN: E’ segno che qui c’è la sorgente; quei Sacerdoti che vengono una volta, verranno anche altre volte. Nessun Sacerdote che viene a Medjugorje viene perché obbligato, ma perché ha sentito nel cuore una chiamata da Dio. Viene perché Dio lo chiama, la Madonna lo chiama; perché Dio e la Madonna gli vogliono comunicare qualcosa: un messaggio importantissimo. Viene qui, riceve il messaggio, porta questo messaggio e con questo messaggio diventa una luce. Lo porta in Parrocchia e poi lo divulga a tutti.

PADRE LIVIO: In questo ultimo anno, specialmente nei messaggi a Mirjana, la Madonna raccomanda di non mormorare contro i Pastori e di pregare per loro. La Madonna appare molto preoccupata per i Pastori della Chiesa…

IVAN: Sì, anche nei messaggi che dà a me sento questa sua preoccupazione, ma nello stesso tempo, con la preghiera per i Sacerdoti, vuole portare speranza nella Chiesa. La Madonna non ha mai criticato i Sacerdoti, non ha mai criticato la Chiesa. Lei ama i Sacerdoti in modo particolare, ama i suoi “figli amatissimi” che sono i Preti. Ogni giovedì incontro nell’apparizione i Sacerdoti e noto quanto amore è presente negli occhi della Madonna quando vede radunati questi “suoi” Preti. Io colgo l’occasione di questa intervista e dire a tutti i fedeli: non criticate i vostri Pastori e non cercate in loro le colpe; preghiamo per i Sacerdoti!

PADRE LIVIO: La Madonna ha fatto vedere ai veggenti l’aldilà, cioè lo sbocco della nostra vita, per ricordarci che qui siamo sulla terra dei pellegrini. Tu Ivan, sei stato portato in Paradiso: puoi raccontarci questa esperienza?

IVAN: Prima di tutto bisogna dire che è difficile descrivere con le parole com’è il Paradiso. Nel 1984 e anche nel 1988 sono le due volte in cui la Madonna mi ha fatto vedere il Paradiso. Me lo ha detto il giorno prima. Quel giorno, ricordo, la Madonna viene, mi prende per la mano e io in un attimo sono giunto in Paradiso: uno spazio senza frontiere nella valle di Medjugorje, senza confini, dove si sentono canti, ci sono Angeli e la gente cammina e canta; tutti vestono abiti lunghi. Dal punto in cui io vedevo, ho notato che la gente appariva della stessa età… E’ difficile trovare le parole. Anche questo ci conferma il Vangelo: “Occhio non ha visto, orecchio non ha udito…”. Veramente è  difficile descrivere il Paradiso! La Madonna ci guida tutti verso il Paradiso e quando viene ogni giorno ci porta un pezzetto di Paradiso. Dietro le sue spalle si vede questo Paradiso…

PADRE LIVIO: San Paolo dice di essere stato portato in Paradiso, ma non sa se col corpo o senza corpo… Non ho capito se tu hai visto il Paradiso o vi sei stato portato col tuo corpo…

IVAN: Posso solo dire che la Madonna mi ha preso per mano e da quella posizione vedevo il Paradiso, si è aperto il Paradiso, ma non posso dire se col corpo o no. Tutto è avvenuto durante l’apparizione. Era una gioia immensa! Più o meno questa esperienza è durata 5 minuti. In una di queste due volte dell’esperienza, la Madonna mi ha chiesto: “Desideri rimanere qui?”. Ricordo, era il 1984 ed io ero ancora un ragazzino e ho risposto: “No, voglio ritornare, perché non ho detto nulla a mia mamma!”.

PADRE LIVIO: E’ giusto dire, come ha detto anche Vicka, che dopo 31 anni “siamo ancora agli inizi delle apparizioni”?

IVAN: Questa domanda sulla lunghezza delle apparizioni è presente anche ai Vescovi, ai Sacerdoti e ai fedeli. Tante volte i Sacerdoti mi chiedono: “Perché durano così a lungo? Perché la Madonna viene per così lungo tempo? Alcuni dicono: “La Madonna viene e ci dice tante volte le stesse cose, nulla di nuovo…”. Alcuni Preti dicono: “Noi abbiamo la Bibbia, la Chiesa, i Sacramenti… Che senso ha questa lunga venuta della Madonna?”. Si, abbiamo la Chiesa, i Sacramenti, la Sacra Scrittura… Ma la Madonna ci pone una domanda: “Ma tutte queste cose che avete elencato prima, voi le vivete? Le praticate?”. Questa è la domanda a cui ciascuno di noi deve dare risposta. Veramente noi viviamo quello che abbiamo? La Madonna è con noi per questo. Sappiamo che dobbiamo pregare in famiglia e non lo facciamo, sappiamo che dobbiamo perdonare e non perdoniamo, conosciamo anche il Comandamento dell’amore e non amiamo, sappiamo che dobbiamo fare opere di carità e non le facciamo, sappiamo che c’è il Comandamento di andare alla Messa la domenica e non vi andiamo, sappiamo che ci è richiesta la Confessione, ma non vi andiamo, sappiamo che noi sposati dobbiamo vivere il Sacramento del nostro matrimonio, non lo viviamo, sappiamo anche che dobbiamo rispettare e apprezzare la vita dal momento del concepimento fino alla morte, ma non rispettiamo questa vita… La ragione per cui la Madonna è così a lungo fra noi è perché noi siamo testardi! Non viviamo quello che conosciamo! Veramente in questi 31 anni la Madonna non ci ha dato un messaggio speciale: tutto quello che Lei ci dice lo sappiamo dall’insegnamento e dalla Tradizione della Chiesa, però noi non lo viviamo: questo è il punto.

PADRE LIVIO: Però la Madonna ha detto che i messaggi sono un grande dono e che le sue parole sono preziose. Forse non siamo consapevoli di questo…

Ivan: Sono pienamente d’accordo con te: noi non siamo pienamente coscienti del dono della presenza della nostra Madre Celeste già da 31 anni! Specialmente in questo tempo in cui viviamo. Posso chiaramente dire che anche questa Parrocchia non è pienamente cosciente del dono ricevuto. Ma vorrei evidenziare ancora una cosa importante: la Madonna dice che queste sue lunghe venute sulla terra sono le ultime! Perciò dobbiamo capire la grandezza e l’urgenza di questi messaggi, ed anche la lunghezza di queste apparizioni qui a Medjugorje…

PADRE LIVIO: La Madonna ti ha incaricato di guidare un Gruppo sin dal 1982 al quale ha dato tanti messaggi. Perché lo ha scelto, come lo ha guidato e cosa voleva fare con voi?

IVAN: Quest’anno abbiamo festeggiato il 30° anniversario del nostro Gruppo: è un grande Giubileo per noi. Abbiamo iniziato in maniera spontanea nel 1982: ci radunavamo, la polizia ci mandava via… poi abbiamo sentito la necessità di incontrarci in modo regolare il lunedì, mercoledì e venerdì. Ci radunavamo vicino alla Croce Blu che è rimasta legata alla nascita del nostro Gruppo. Vi voglio raccontare, in esclusiva, come è nata la Croce Blu. Era inizialmente un posto dove ci nascondevamo per sfuggire alla Polizia. Un mio amico era defunto e in altro amico ha messo una croce di legno e mi dicevano: “Questa croce con le candele si brucia, dobbiamo mettere qualcosa di più resistente”. E così noi due abbiamo fatto. Mio padre stava dando il colore a una ringhiera e gli era avanzata tanta vernice blu; non avevamo altro che quella e così abbiamo dipinto questa Croce, più resistente, di colore blu. Così è nata la Croce Blu. Ma voglio tornare a quello che è essenziale: noi all’inizio ci radunavamo e pregavamo due o tre ore ogni volta. Poi la Madonna ha detto che voleva venire a pregare con noi. Avvenivano i nostri incontri sotto ogni condizione atmosferica: bora, neve, pioggia. Qualche volta la Madonna ci chiedeva di andare là a pregare alle due o alle tre del mattino e noi eravamo disposti: tutto quello che la Madonna ci chiedeva di fare, eravamo disposti a farlo con tutto il cuore! E così il Gruppo stava crescendo. Alcuni membri del Gruppo non potevano più eseguire i compiti abbastanza esigenti della Madonna; e per questo hanno lasciato il Gruppo. Però ne sono venuti dei nuovi e in questo momento siamo un Gruppo di 25 persone. Ci raduniamo ancora; la Madonna ha dato tanti messaggi e attraverso questi messaggi la Madonna ci guida. Sono incontri aperti e vi possono partecipare tutti quelli che lo desiderano: alla Croce Blu e sul Podbrdo. Vorrei sottolineare che lo scopo di questo Gruppo è, con la partecipazione e le preghiere, di realizzare i progetti che la Madonna ha attraverso la Parrocchia, per i Sacerdoti e per altre intenzioni della Madonna. Si chiama Gruppo “Regina della Pace”, dopo il quale sono nati molti Gruppi proprio ispirati da questo Gruppo. Sono molto importanti: per la Chiesa, per la famiglia e danno molto incentivo per l’evangelizzazione del mondo intero.

PADRE LIVIO: E’ un gruppo di Preghiera della Madonna. E aiuta la Madonna.

IVAN: Assolutamente sì!

PADRE LIVIO: E’ giusto dire che il “tempo dei segreti” sarà un tempo di grande prova per la Chiesa e per il mondo?

IVAN: Si, sono d’accordo. Riguardo ai segreti noi non possiamo dire nulla, però posso solo dire che viene un tempo molto importante; in modo particolare viene un tempo importante per la Chiesa. Dobbiamo tutti pregare per questa intenzione.

PADRE LIVIO: Sarà un tempo di prova per la fede?

IVAN: E’ già un pochino presente adesso…

PADRE LIVIO: E’ forse per questo che Benedetto XVI, ispirato dalla Madonna, ha indetto l’ “Anno della fede”?

IVAN: Il Papa è guidato direttamente dalla mano della Madonna; e Lui, in questo accordo con Lei, guida la sua Chiesa e il mondo intero. Oggi nell’apparizione raccomanderò tutti voi e in modo speciale tutti i malati; in modo particolare raccomanderò Radio Maria che divulga questa bella e buona Notizia! Raccomanderò anche gli americani e l’America dove quest’anno si eleggerà il nuovo Presidente, un Presidente che guiderà l’America sui passi della Pace e del Bene, non soltanto con le parole, ma con la vita. Regina della Pace, prega per noi!

Messaggio del 2 gennaio 2018 dato a Mirjana.

Cari figli,
quando sulla terra viene a mancare l’amore, quando non si trova la via della salvezza, io, la Madre, vengo ad aiutarvi a conoscere la vera fede, viva e profonda; ad aiutarvi ad amare davvero. Come Madre, anelo al vostro amore reciproco, alla bontà e alla purezza. È mio desiderio che siate giusti e che vi amiate. Figli miei, siate gioiosi nell’animo, siate puri, siate bambini! Mio Figlio ha detto che ama stare tra i cuori puri, perché i cuori puri sono sempre giovani e lieti. Mio Figlio vi ha detto di perdonare e di amarvi. So che non è sempre facile: la sofferenza fa sì che cresciate nello spirito. Per crescere il più possibile spiritualmente, dovete perdonare ed amare sinceramente e veramente. Molti miei figli sulla terra non conoscono mio Figlio, non lo amano. Ma voi, che amate mio Figlio e lo portate in cuore, pregate, pregate e, pregando, percepite mio Figlio accanto a voi: la vostra anima respiri il suo Spirito! Io sono in mezzo a voi e parlo di piccole e grandi cose. Non mi stancherò di parlarvi di mio Figlio, amore vero. Perciò, figli miei, apritemi i vostri cuori, permettetemi di guidarvi maternamente. Siate apostoli dell’amore di mio Figlio e del mio. Come Madre vi prego: non dimenticate coloro che mio Figlio ha chiamato a guidarvi. Portateli nel cuore e pregate per loro.
Vi ringrazio!”

Messaggio del 25 dicembre 2017 dato a Marija

Messaggio del 25 dicembre 2017 dato a Marija

Cari figli!
Oggi vi porto mio Figlio Gesù, affinché vi doni la Sua pace e la Sua benedizione. Figlioli, vi invito tutti a vivere e testimoniare le grazie e i doni che avete ricevuto. Non temete! Pregate affinché lo Spirito Santo vi dia la forza di essere testimoni gioiosi e uomini di pace e di speranza. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Messaggio del 25 Dicembre 2017 attraverso il veggente Jakov

Messaggio del 25 Dicembre 2017 attraverso il veggente Jakov

Cari figli,
Oggi in questo giorno di grazia vi invito a chiedere al Signore il dono della Fede. Figli miei, decidetevi per Dio e iniziate a vivere e credere in ciò che Dio Vi chiede. Credere, figli miei, vuol dire mettere le vostre vite nelle mani di Dio, nelle mani del Signore che vi ha creati e che vi ama con un Amore immenso. Non siate solo credenti con le parole ma testimoniate la vostra fede attraverso le opere e con esempio personale. Parlate con Dio con il vostro Padre. Aprite e donate a Lui i vostri cuori e vedrete come i vostri cuori cambieranno e come la vostra vita ammirera le opere di Dio nella vostra vita.
Figli miei, non c’è vita senza Dio, perciò io come madre intercedo e prego il mio Figlio che rinnovi i vostri cuori e che riempia le vostre vite con Suo immenso Amore.
Grazie perché avete risposto alla mia chiamata

Messaggio dato a Marija 25 novembre 2017

Messaggio, 25 novembre 2017

“Cari figli!
In questo tempo di grazia vi invito alla preghiera. Pregate e cercate la pace, figlioli. Lui che è venuto qui sulla terra per donarvi la Sua pace, senza far differenza di chi siete o che cosa siete – Lui, mio Figlio, vostro fratello – tramite me vi invita alla conversione perché senza Dio non avete né futuro né vita eterna. Perciò credete, pregate e vivete nella grazia e nell’attesa del vostro incontro personale con Lui.
Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.