Testimonianza di Fra Julijan Madžar.

Fra Julijan Madžar, sacerdote novello: “La serenità e la sicurezza ricevute a Medjugorje continuano a sostenermi e a guidarmi”

 

A Kiseljak, dopo quarantadue anni, sarà nuovamente celebrata una Prima Messa. A officiarla sarà  fra Julijan Madžar, un membro della Provincia Francescana di Bosn

a Srebrena, che attualmente svolge il suo ministero a Ovčarevo. Nato nel 1991, il 19 giugno 2016 ha ricevuto a Brestovsko il Sacro Ordine del Diaconato da Mons. Marko Semren, Vescovo Ausiliare di Banja Luka. Il 27 novembre 2016, Prima Domenica d’Avvento, è stato ordinato Sacerdote dal Cardinal Vinko Puljić, Arcivescovo di Vrhbosna, a Sarajevo. Nel corso di una trasmissione di Radio “Mir” Medjugorje, fra Julijan ci ha parlato del suo cammino verso il sacerdozio, non privo di dubbi e prove, e di come proprio Medjugorje l’abbia aiutato, corroborando il suo proposito di seguire la vocazione al sacerdozio. Per lui, come egli stesso ci ha detto, è stato questo il più grande miracolo di Medjugorje.

Fra Julijan ci ha testimoniato quanto segue: «Alla fine del quinto anno di Università, dentro di me si sono manifestati dubbi e insicurezze. Mi chiedevo cosa dovessi fare, e se la mia strada fosse davvero quella del  sacerdozio. In preda a tali incertezze, ho chiesto allora alla mia Provincia di concedermi un periodo di riflessione, che mi è stato poi accordato. Nel corso di quel periodo sentivo che stavo cercando qualcosa, ma non sapevo cosa. A quel tempo il parroco di Brestovsko era fra Damir Pavić. Lui mi ha detto di venire a Medjugorje, dove, per la verità, ero già stato in precedenza. Infatti ero già venuto un sabato con degli amici. Quel giorno ha piovuto tutto il tempo, ma noi abbiamo voluto salire ugualmente la Collina delle apparizioni. Salendo, chiedevo a Dio di darmi un segno e di farmi capire cosa dovessi fare. Pregavo per me, per la mia famiglia, per la Provincia e riflettevo. Poi siamo arrivati sulla Collina, dove c’erano anche altre persone. Quando tutti gli altri se ne sono andati, sono rimasto solo io, con due amiche. È stato come se, sulla terra, tutto si fosse fermato e il cielo si fosse aperto. Ho percepito qualcosa di simile ad un calore, e quello per me è stato il segno. Poi sono tornato a casa». In seguito fra Julijan è poi ritornato a Medjugorje, come fra Damir gli aveva raccomandato.

«Ho partecipato ad un Seminario guidato da fra Ljubo Kurtović alla “Domus Pacis”. Non so come descrivere quei cinque giorni, non ho parole per spiegare come ho vissuto quegli esercizi spirituali. Là per la prima volta mi sono aperto, ho percepito la vicinanza di Dio e che sapevo quello che dovevo fare nella vita. Un giorno siamo andati sulla Collina delle apparizioni e ho chiesto alla Madonna di aiutarmi. In quel periodo, infatti, in me si erano riaffacciati alcuni dubbi su Medjugorje, che avevano creato della confusione dentro di me. In piedi dinanzi alla statua, ho detto: “Mi serve aiuto, mia Signora! Desidero avere pace e ritrovare me stesso”. Mentre scendevo dalla Collina, è stato come se mi si fosse aperto un mondo, e le catene e i problemi che mi tenevano legato fossero implosi. Tutto era semplicemente scomparso. Al mio ritorno a casa, tutti mi dicevano che ero diverso. Io rispondevo che non ero io la causa di quel cambiamento e che, per me, era quello il più grande miracolo di Medjugorje. La serenità e la sicurezza ricevute allora continuano a sostenermi e a guidarmi. Con l’aiuto di Dio, continuerò a svolgere la mia missione. Mi sono dato il compito di organizzare pellegrinaggi a Medjugorje nella parrocchia a cui sarò assegnato. Credo, infatti, che, se ha aiutato me, venire qui aiuterà tutti. Ringraziamo Dio di avere Medjugorje!». La Prima Messa di fra Julijan sarà Domenica 15 gennaio a Kiseljak.

da Medjugorje HR

Messaggio dato a Marija il 25 gennaio 2017.

“Cari figli!
Oggi vi invito a pregare per la pace. Pace nei cuori umani, pace nelle famiglie e pace nel mondo. Satana è forte e vuole farvi rivoltare tutti contro Dio, riportarvi su tutto ciò che è umano e distruggere nei cuori tutti i sentimenti verso Dio e le cose di Dio. Voi, figlioli, pregate e lottate contro il materialismo, il modernismo e l’egoismo che il mondo vi offre. Figlioli, decidetevi per la santità ed io, con mio Figlio Gesù, intercedo per voi.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

24° INCONTRO INTERNAZIONALE

24-esimo INCONTRO INTERNAZIONALE DEGLI ORGANIZZATORI DI PELLEGRINAGGI, GUIDE DEI CENTRI DELLA PACE E DEI GRUPPI DI PREGHIERA, PELLEGRINAGGI E CARITÀ DI MEĐUGORJE

  1.  INCONTRO INTERNAZIONALE DEGLI ORGANIZZATORI DI PELLEGRINAGGI, GUIDE DEI CENTRI DELLA PACE E DEI GRUPPI DI PREGHIERA, PELLEGRINAGGI E CARITÀ DI MEĐUGORJE

Il 24. incontro internazionale di organizzatori di pellegrinaggi, guide dei centri della pace, gruppi di preghiera e carità legati a Međugorje si svolgerà a Medjugorje dal 27 febbraio  al 3 marzo 2017

Il tema dell’incontro sarà:

” La vostra carità si arricchisca sempre più”  (Fil 1, 9)

Alla scuola della Madonna

PROGRAMMA

Lunedì, 27.02.2017

15.00   Registrazione dei partecipanti

17.00   Programma di preghiera serale in chiesa

Martedì, 28. 03.2017

9.00     Adorazione del Santissimo Sacramento dell’Altare

9.30     Conferenza, dibattito

Pausa

11.00  Incontro e discussione con il docente

15.00   Lavoro per gruppi linguistici

17.00   Programma di preghiera serale in chiesa

21.00   Adorazione del Santissimo Sacramento dell’Altare

Mercoledì, 1.03.2017

9.00     Adorazione del Santissimo Sacramento dell’Altare

9.30     Conferenza, dibattito

Pausa

11.00   Incontro e discussione con il docente

14.00   Preghiera sul Križevac

17.00   Programma di preghiera serale in chiesa

19.00   Novità: Meditazione e cena con i parrocchiani (pane e thè)

Giovedì, 2.03.2017

9.00     Adorazione del Santissimo Sacramento dell’Altare

9.30     Conferenza, dibattito

Pausa

11.00   Incontro dei partecipanti con il parroco

12.30   Pranzo comune

15.00   Preghiera sulla  Collina delle Apparizioni

17.00   Programma di preghiera serale in chiesa

Venerdì, 3 .03.2017

9.00     Adorazione del Santissimo Sacramento dell’Altare

9.30     Esperienze dei partecipanti, Santa Messa conclusiva

Il docente del seminario è p. Marinko Šakota, parroco della parrocchia di Medjugorje.

Padre Marinko Šakota – nato a Čitluk nel 1968, frequenta le scuole dell’obbligo e la prima classe delle superiori a Čitluk. Scelta la vocazione francescana, si reca al Seminario francescano di Visoko dove porta a termine il secondo anno. Gli ultimi due anni del liceo li finisce presso il Liceo dei gesuiti di Dubrovnik (Ragusa), dove consegue la maturità classica. Veste l’abito francescano il 15 luglio 1987 a Humac, dove trascorre l’anno di Noviziato. Intraprende gli studi di filosofia e teologia a Sarajevo presso l’Istituto Teologico Francescano di Sarajevo (1989 – 1990). Poi è a Fulda, in Germania (1995), dove consegue la laurea.

Prende i voti perpetui a Široki Brijeg nel 1993. È ordinato diacono a Zagabria nel 1996 e sacerdote a Frohnleiten sempre nel 1996. Presta il suo primo servizio nel convento francescano di Innsbruck, dove trascorre un anno come coadiutore. Poi è a Frohnleiten come assistente spirituale e ad Augsburg (Augusta) come cappellano. Trascorre tre anni a Mostar come cappellano e sette anni a Gradnići come parroco. Dal settembre del 2010 presta servizio a Međugorje come cappellano. È parroco della parrocchia di Međugorje dal 2013.

Il 24. incontro internazionale degli organizzatori di pellegrinaggi, guide dei centri della pace, gruppi di preghiera e carità legati a Međugorje, si svolgerà presso il Nuovo salone di Međugorje dal 27 febbraio al 3 marzo 2017. Il numero dei partecipanti è limitato per lo spazio e per questo motivo siete gentilmente pregati di annunciare al più presto possibile il vostro arrivo al seminario. Le richieste possono essere inoltrate via e-mail: seminar.marija@medjugorje.hr

Sia per le esigenze organizzative del seminario, sia per la vostra sicurezza, siete cortesemente pregati di considerarvi registrati soltanto quando riceverete una risposta di conferma. Se non avete ancora ricevuto tale risposta, ciò significa che non abbiamo ricevuto la vostra richiesta d’iscrizione (e quindi non abbiamo potuto registrarvi) o perché il vostro messaggio e-mail è stato inviato ad un indirizzo sbagliato, o perché il vostro computer ha un virus che blocca automaticamente l’invio della posta elettronica. Ecco perché potete ritenervi registrati soltanto quando riceverete una risposta di conferma.

È organizzato il servizio di traduzione simultanea per tutti i gruppi linguistici. La quota di partecipazione al seminario è di € 50 a persona. Nel prezzo sono incluse tutte le spese di organizzazione e del lavoro del seminario (docenti, traduzione simultanea e pranzo comune dell’ultimo giorno). Al momento del pagamento, all’inizio del seminario, ogni partecipante otterrà un accredito che gli darà la possibilità di partecipare alle attività del seminario. Ciascuno provvederà personalmente all’alloggio a Međugorje.

Visto che non siamo in grado di contattare personalmente ogni organizzatore, cogliamo l’occasione di invitare tutti gli organizzatori di pellegrinaggi, guide, e guide di centri di pace e dei gruppi di preghiera e di carità di informare coloro che potrebbero essere interessati a quest’incontro.

Siamo lieti di ricevere le vostre adesioni e di lavorare insieme!

Sesto Pellegrinaggio a Medjugorje per persone con invalidità

Ancora alcuni mesi ci separano dal Sesto Pellegrinaggio Internazionale a Medjugorje per persone con invalidità, che si terrà dal 15 al 18 giugno 2017 ed il cui tema sarà: “Alla scuola di Maria”. L’evento sarà organizzato principalmente dall’Associazione “Susret” di Čitluk, in collaborazione con l’Ufficio parrocchiale di Medjugorje e con il Villaggio della Madre.

Il raduno e la sistemazione dei partecipanti sono previsti per il pomeriggio di giovedì 15 giugno 2017.  L’evento sarà coordinato da fra Marinko Šakota, parroco di Medjugorje, mentre le relazioni saranno tenute da fra Ante Vučković. Anche quest’anno il programma del Pellegrinaggio sarà caratterizzato da relazioni, testimonianze e momenti di preghiera. Nel pomeriggio del venerdì sarà previsto del tempo per poter compiere il Pio Esercizio della Via Crucis sul Križevac, mentre il sabato mattina avremo un momento di preghiera comunitaria sulla Collina delle apparizioni.

Sarà possibile inviare le proprie adesioni, dal 1° al 30 maggio 2017, all’indirizzo di posta elettronica: gospina.skola@gmail.com. Lo spunto per l’organizzazione di questo evento è venuto dai pluriennali pellegrinaggi guidati da suor Rastislava Ralbovsky per una comunità di persone con invalidità di Đakovo.

Messaggio dato a Mirjana il 2 gennaio 2017.

Cari figli,

mio Figlio era sorgente di amore e di luce quando, sulla terra, parlava al popolo di tutti i popoli. Apostoli miei, seguite la sua luce. Farlo non è facile: dovete essere piccoli, dovete farvi più piccoli degli altri e, con l’aiuto della fede, riempirvi del suo amore. Senza fede, nessun uomo sulla terra può vivere un’esperienza miracolosa. Io sono con voi, mi manifesto a voi con queste venute, con queste parole. Desidero testimoniarvi il mio amore e la mia cura materna. Figli miei, non perdete tempo facendo domande a cui non ricevete mai risposta: al termine del vostro percorso terreno, il Padre Celeste ve le darà. Sappiate sempre che Dio sa tutto, Dio vede, Dio ama. Il mio amatissimo Figlio illumina le vite e dissipa le tenebre; ed il mio materno amore, che mi porta a voi, è indicibile, misterioso, ma reale. Io esprimo i miei sentimenti verso di voi: amore, comprensione e materno affetto. A voi, apostoli miei, chiedo le vostre rose di preghiera, che devono essere le opere di misericordia: sono quelle le preghiere più care al mio Cuore materno. Le offro a mio Figlio, nato per voi. Egli vi guarda e vi ascolta. Noi vi siamo sempre vicini. Questo è un amore che chiama, unisce, converte, incoraggia e ricolma. Perciò, apostoli miei, amatevi sempre gli uni gli altri, ma soprattutto amate mio Figlio. Quella è l’unica via verso la salvezza, verso la vita eterna. Quella è la preghiera che mi è più cara, e che ricolma il mio Cuore del profumo di rose più soave. Pregate, pregate sempre per i vostri pastori, affinché abbiano la forza di essere la luce di mio Figlio. Vi ringrazio